L’UTOPIA DI UN CAPITALISMO SOLAMENTE PRODUTTIVO

Da tempo nei media si strombazza sul suicidio di capitalisti, mettendoli sullo stesso piano a quello dei proletari. Dicono questi mezzi d’intossicazione di massa che operai e padroni (che loro chiamano imprenditori) sono accomunati dallo stesso triste destino, vittime delle ”cattive” banche. Bisogna demistificare queste posizioni che contrappongono capitale finanziario a quello produttivo. Posizioni che tendono a quell’utopia di avere un capitalismo solamente produttivo, senza speculazione, finanza. I punti salienti dell’analisi di Marx inerente al rapporto tra capitale produttivo e quello finanziario sono: 1) Il plusvalore non si trasforma integralmente in profitto, ma si scompone in tre parti: profitto, rendita (reddito del proprietario terriero), interesse (reddito del banchiere). Tuttavia quale che sia la suddivisione interna, tutte e tre in ultima analisi derivano dal lavoro non pagato, dal plusvalore generale nel processo produttivo. “La parte del profitto che gli paga[1] si chiama interesse, il che non è altro che un nome particolare per parte del profitto che il capitale operante in luogo di intascare, deve cedere al proprietario del capitale”.[2] 2) Il banchiere (Marx parla di capitale produttivo d’interesse, che da circa un secolo siamo abituati a definire capitale finanziario) predomina sull’industriale, fino al punto che il capitale come “proprietà” e il capitale come “funzione” si scindono ed il capitalista tende ad apparire come un semplice salariato del banchiere o in generale del proprietario del capitale (azionista). Tuttavia il conflitto fra capitale finanziario e capitale industriale nasce su un terreno comune, ossia lo sfruttamento effettivo della classe operaia, senza il quale il capitale quale che ne sia la forma non può accrescere se stesso. “La proprietà del capitale è di fronte a lui[3] rappresentata da chi lo ha dato in prestito, del capitalista monetario. L’interesse che egli paga a questo appare dunque come parte del profitto lordo che spetta alla proprietà del capitale in quanto tale. In contrasto con ciò la parte del profitto che tocca al capitalista attivo, appare ora come guadagno d’imprenditore, proveniente esclusivamente dalle operazioni o dalle funzioni che egli compie con il capitale nel processo di riproduzione, specialmente quindi delle funzioni che egli esercita come imprenditore nell’industria o nel commercio. Di fronte a lui l’interesse appare come quindi come semplice frutto della proprietà del capitale in sé, astratto dal processo di riproduzione del capitale in quanto esso, non “lavora”, non opera”.[4] 3) La forma dell’interesse, ossia di denaro che moltiplica se stesso, diviene la forma più generale e spinta all’estremo del processo di valorizzazione del capitale. Al tempo stesso è anche la più mistificata, poiché è quella che più si allontana e nasconde l’effettiva origine di ogni accrescimento del capitale, ossia l’appropriazione del lavoro altrui. “D-D’ (…) denaro che produce più denaro. È la formula originaria del capitale condensata in un’espressione priva di senso (…). Nel capitale produttivo d’interesse questo feticcio automatico, valore che genera valore, denaro che produce denaro, senza che in questa forma sussista più nessuna traccia della sua origine, è quindi messo perfettamente in rilievo. Il rapporto sociale è perfezionato come rapporto di una cosa, del denaro, con se stessa. In luogo dell’effettiva trasformazione del denaro in capitale non si ha qui che la sua forma priva di contenuto (…) Precisamente come proprietà di un pero è di produrre è di produrre pere, così la proprietà del denaro è di creare valore, di dare dell’interesse. (…) Avviene anche un altro capovolgimento; mentre l’interesse è unicamente una parte del profitto, ossia del plusvalore che il capitalista operante come tale estorce al lavoratore, l’interesse appare ora al contrario come il frutto vero e proprio del capitale(…) la mistificazione del capitale nella sua forma più stridente. Per l’economia volgare, che vuole rappresentare il capitale come la fonte indipendente del valore, della creazione del valor, questa forma è naturalmente pane per i suoi denti, una forma in cui la fonte del profitto non è più riconoscibile e in cui il risultato del processo capitalistico di produzione, separato dal processo stesso, ha una esistenza autonoma”.[5] 4) In tal forma il denaro, non solo quello effettivamente investito nella produzione ma qualsiasi forma di denaro circolante nella società cessa di essere un semplice mezzo di scambio o di pagamento, ma diventa virtualmente capitale. “Il denaro (…) può essere trasformato in capitale sulla base della produzione capitalistica e attraverso questa trasformazione diventa, da valore dato, un valore che valorizza, che aumenta lo stesso (…) Con ciò esso acquista, oltre al valore d’uso che possiede come denaro, un valore d’uso addizionale, cioè quello di operare come capitale. Il suo valore d’uso consiste qui proprio nel profitto che esso produce, una volta trasformato in capitale. In questa qualità di capitale potenziale, di mezzo per la produzione del profitto, esso diventa merce, ma una merce sui generis”. [6]
[1] Ossia che l’industriale paga a chi gli ha erogato un prestito.

 

[2] K. Marx, Il Capitale Vol. III, cap. 21, pag. 404, Editori Riuniti.

 

[3] Al capitalista operante ossia l’industriale o il commerciante.

 

[4] K. Marx, Il Capitale Vol. III, cap. 23, pag. 443, Editori Riuniti.

 

[5] K. Marx, Il Capitale Vol. III, cap. 23, pag. 464, Editori Riuniti.

 

[6] K. Marx, Il Capitale Vol. III, cap. 21, pagg. 403-404, Editori Riuniti

Annunci

~ di marcos61 su gennaio 7, 2015.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: