SUPERSOLDATI USO BELLICO DELLE SOSTANZE PSICOATTIVE

 

 

 

 

Fin dall’antichità gli uomini hanno impiegato gran parte del loro tempo e delle loro risorse intellettuali per escogitare mezzi con i quali sopraffare gli avversari.

L’importanza che nel corso della storia tutti gli eserciti hanno attribuito ai fattori psicologici nel determinare il successo o la sconfitta in guerra rende assai interessante lo studio dei mezzi mediante i quali gli eserciti hanno cercato di porsi nella migliore condizione possibile per vincere.

L’uso di droghe in guerra può essere ricondotto a due intenti fondamentali:

1)    Permettere alle proprie truppe di commettere atti non accettabili dalle consuete regole morali, vincere la fatica e consentire un miglioramento della performance del combattente (qui c’è una profonda analogia con il doping degli sportivi).

2)    Ridurre l’efficienza del nemico mediante l’uso di sostanze in grado di provocare alterazioni dello stato di coscienza tali da menomare la capacità combattiva; ottenere informazioni durante gli interrogatori di prigionieri, mediante l’uso di cosiddetti “sieri della verità”.

Questo uso delle droghe è diffuso non solo negli ambienti militari. Nel 1993, un quotidiano di Lima, riportava la notizia che nella selva peruviana alcune bande di narcotrafficanti addestravano i loro membri iniziandoli all’uso delle piante allucinogene[i] in modo da renderli incuranti negli scontri con la polizia o con le bande rivali.[ii]

Tutto ciò non è un caso. Nel continente latino americano, l’utilizzo degli allucinogeni e delle sostanze psicomimetiche,[iii] che resta pur sempre un fenomeno parziale nel generale contesto dello sciamanesimo, è sempre avvenuto in un ambito guerriero.

 

 

nell’età antica

 

Il coraggio in battaglia e la coesione dei reparti di fronte all’avanzata del nemico sono sempre stati un elemento fondamentale per il buon esito di uno scontro. Il morale delle truppe ha sempre costituito una variante essenziale e imprevedibile e ha fatto fiorire una vera e propria agiografia dell’eroismo individuale o di particolari reparti. La storia delle guerre è costellata non soltanto di vittori ottenute in condizioni d’inferiorità, rese possibili da una non comune volontà di vincere, ma anche di disfatte provocate dall’improvviso cedimento della tenuta delle truppe di fronte al nemico.

Due soli esempi bastano per tutti.

I trecento opliti, guidati dal re spartano Leonida, che nel 480 a.C. resistettero fino all’ultimo uomo alle Termopili combattendo contro l’esercito persiano, sono una testimonianza classica in merito all’importanza del coraggio individuale e della coesione di gruppo dei soldati. Per contro la sconfitta avvenuta a Canne nel 216 a.C. di 110.000 soldati romani guidati dai consoli Terenzio Varrone e Lucio Emilio Paolo, sbaragliati da poco più di 50.000 Cartaginesi comandati da Annibale, dimostra come il panico sia un’emozione rovinosa anche per un combattente tecnicamente preparato e in condizioni di superiorità numerica.

Quando nelle antiche civiltà cominciarono a formarsi le classi sociali, si creò una casta di guerrieri professionisti della guerra, addestrati sia dal punto di vista fisico che quello psicologico.

Se l’addestramento rappresenta indubbiamente la via più sicura per ottenere il successo in battaglia, esso ha tuttavia dei limiti molto gravi sia in termini di costi sia di tempi di attuazione. La formazione di un buon soldato richiede, infatti, molti soldi e uno spazio di tempo sufficiente, non sempre disponibile.

Nel corso della storia sono stati adottati molteplici metodi per la preparazione di combattenti d’élite, mediante sofisticati addestramenti, discipline marziali esoteriche e metodi scientifici assai rigorosi.

Data l’estrema importanza dei fattori psicologici individuali nel combattimento, in ogni epoca molti uomini alle armi hanno deciso di queste variabili utilizzando, come scorciatoia, sostanze psicotrope al fine di aumentare la propria capacità combattiva.

Le prime notizie in merito risalgono all’antichità classica

Presso gli antichi la guerra e i combattimenti avevano frequentemente una connotazione sacra: si svolgevano prevalentemente per necessità concrete di sopravvivenza dei gruppi contrapposti. Manca ancora quell’idealizzazione della guerra che emergerà nei secoli successivi.

Tutti gli individui validi di sesso maschile della comunità, partecipavano al combattimento; l’ingresso di un giovane nel mondo degli adulti è segnato da un rito d’iniziazione che prevede anche la consegna delle armi e il valore in guerra è considerato una sorte di patente di virilità all’interno della comunità di appartenenza. È comprensibile come i guerrieri fossero motivati a dare il meglio di sé per salvare il proprio gruppo e accrescere il proprio valore.

Gli opliti[iv] greci prima delle battaglie in cui si trovavano a combattere corpo a corpo con gli avversari, ricorrevano spesso al vino per controllare la paura della morte. Certo, l’immagine dei soldati che si lanciano all’assalto contro il nemico sotto gli effetti dell’alcool sembra inconciliabile con l’ordine e la disciplina che si solito si attribuisce a questo tipo[v] di soldati, ma sembra che quest’uso fosse molto diffuso.

Già dai tempi di Omero era nozione comune che l’alcool potesse essere usato come analgesico contro il dolore delle ferite.[vi] è probabile che molti opliti ne assumessero prima della battaglia per rendersi meno sensibili al dolore. Di certo il vino era largamente presente nella vita militare e faceva parte della normale dotazione degli opliti quando erano in marcia, tranne particolare occasioni.

Spesso le battaglie erano precedute da particolari danze rituali che per il grande potere di stordimento della coscienza erano in grado di produrre una sorte di stato di estasi e quindi di comunione mistica con la divinità.

Le antiche cronache riferiscono che Alessandro Magno prima d’intraprendere la conquista della Persia danzò la pirrica[vii] a Faselide, intorno alla tomba di Teodette.

In Medio Oriente, nell’XI secolo dopo Cristo, presso la setta sciita ismailita fondata dal persiano Hasan-i Sabah sarebbe stato diffuso, secondo la leggenda, l’uso dell0’hashish (termine arabo che indica le erbe medicinali essiccate, non specificamente la Cannabis) per infondere il coraggio agli adepti incaricati di pericolose missioni. Per questo motivo glia appartenenti a questa setta, le cui azioni particolarmente efferate, secondo le leggende contemplavano spesso l’assassinio degli avversari politici, prese il nome di Hashishin, da cui derivò il moderno termine di assassini.

La setta maomettana dei Dervisci praticava invece un insieme di rituali e di tecniche diverse (detti dhikr) per ottenere un ideale annullamento dell’individuo in Dio e raggiungere uno stato di estasi che li rendeva particolarmente coraggiosi in battaglia. Sono ancor oggi i famosi balli da loro praticati, consistenti in rotazioni su se stessi ripetute fino quasi alla perdita dei sensi.

 

 

 

Le arti marziali orientali

 

Le origini di queste discipline sono molto remote. La consuetudine di yogin[viii] dediti all’addestramento marziale si perde nella più antica tradizione della religione induista. Durante la dominazione britannica queste pratiche furono represse, anche se tuttora nel Kerala sopravvivono delle forme di lotta tradizionale, praticate nel corso di riti religiosi. Questa tradizione è tuttora ben salda in Cina, in Giappone e in Vietnam, dove arrivarono con la diffusione del buddismo.

Il pugilato cinese consiste in un sistema di tecniche sovrapposte a una forma di lotta ancora in un sistema più antica, detta wu gong.  Le tecniche fisiche si fondono con l’ideologia perfettamente cinese di continuo flusso, tra atteggiamenti “aperti” e “chiusi”, rigidi e rilassati e movimenti lenti o rapidissimi. Tipico e il kung fu wushu in cui lo stimolo e caratterizzato dal controllo della mente sul respiro e sui movimenti. La concentrazione, l’allenamento e il controllo della respirazione portano alla capacità di utilizzare la forza in modo esplosivo. Le prove di rottura di mattoni e tavolette di legno sono l’esempio più conosciuto di queste tecniche. I vari stili di kung fu dal punto di vista formale imitano i movimenti degli animali: l’oca selvatica, il drago, la tigre, il leopardo, il serpente e la gru.

L’energia viene presa tramite la respirazione dall’aria (e qui riecheggia il “prana” degli yogi indiani), attraverso i piedi dalla terra e viene concentrata nello stomaco in un punto tre dita sotto l’ombelico, “hara”, contemporaneamente baricentro e centro energetico del corpo. Poi, attraverso le linee energetiche, utilizzate anche nell’agopuntura, fluisce verso gli arti e viene emessa in forma esplosiva tramite colpi velocissimi e assolutamente precisi. Contemporaneamente vi è l’emissione del respiro e l’urlo, “kiai” .

Queste tecniche di rottura furono perfezionate nell’isola di Okinawa durante il periodo dell’occupazione giapponese, quando gli isolani legati alla Cina furono sottoposti al divieto di portare armi. Per reazione si sviluppò il karatè, tecnica di combattimento a mani nude e il kobudo, che si avvale dell’uso molto virtuosissimo di armi, ricavate da attrezzi agricoli comuni in quelle zone: dal nunchaku (due corti bastoni uniti da una catena, in origine usati per la pulizia del riso), al kama (un falcetto), al kusari (una catena di una sessantina di centimetri con due pesi all’estremità).

Le arti marziali, fanno parte della tradizione dell’India e dell’Estremo Oriente e nei giorni nostri si manifesta come attività sportiva, come forma di meditazione all’interno del buddismo zen, ma sono utilizzate anche nell’addestramento di reparti speciali d’élite. Oltre all’esercito coreano in cui è usato il tae kwo e il vietnamita che impiega il viet vo dao, anche gli eserciti degli imperialisti occidentali hanno riscoperto queste antiche tradizioni. Pionieri in questo senso furono i capitani Fairbairn e Sykes che negli anni ’30 erano in servizio nella polizia di Shanghai. Essi codificarono le tecniche di combattimento corpo a corpo dei commandos inglesi, voluti da Churchill agli inizi del secondo conflitto mondiale. I nomi di Fairbairn e Sykes sono poi legati ancora allo speciale pugnale da loro creato, che era destinato in particolare per il combattimento ravvicinato e all’eliminazione delle sentinelle.

Analoghe procedure di addestramento furono utilizzate per la formazione dei primi reparti di paracadutisti e ranger americani. L’evolversi della strategia militare nel dopoguerra con i molti conflitti locali e con lo sviluppo dei movimenti rivoluzionari nel Tricontinente (spacciati come movimenti terroristi) e nelle stesse metropoli imperialiste, portò il proliferare in tutti gli eserciti di reparti speciali, e dopo l’azione di Settembre a Monaco nel 1972, all’istituzione di reparti speciali presso tutte le forze di polizia. Nel programma di addestramento è dato largo spazio all’insegnamento delle arti marziali, sia nelle loro forme tradizionali, come la savate[ix]  nella Legione Straniera, sia in forme moderne che mettono insieme elementi presi dalle varie scuole e li combinano con l’utilizzo di armi da fuoco dell’ultima generazione. Ad esempio gli spetstnaz i corpi speciali russi dedicano molto tempo al sambot.[x] L’addestramento prevede scontri molto violenti e realistici in cui sono utilizzati, come armi, gli stessi stivali da paracadutista e il fucile d’assalto regolamentare AK 74 con la baionetta innestata. Sono anche praticate tecniche volte allo sviluppo delle capacità individuali come la rottura a mani nude di mattoni infuocati. Il krav maga, “combattimento con contatto” in ebraico, esso è il combattimento corpo a corpo praticato dall’esercito e dalle forze di polizia israeliane. Si tratta di tecniche di difesa da qualsiasi tipo di aggressione con pugni, calci, strangolamenti e uso di armi varie. L’allievo viene abituato a usare le varie tecniche anche in situazioni del tutto particolari, come nell’oscurità, da seduto o coricato e in spazi ristretti come i mezzi di trasporto.

C’è una continua osmosi con scambi d’informazioni a livello ufficioso tra molti corpi speciali di molte nazioni diverse; ad esempio il GIGN, gruppo d’intervento della Gendarmeria francese, utilizza il krav maga. Viceversa i Seal della marina americana hanno per tradizione rapporti molto stretti con i marines di Taiwan e della Corea del Sud. Anche i berretti versi, forze speciali dell’esercito statunitense, hanno programmi di scambio con reparti analoghi di altre nazioni NATO e più volte hanno assunto dei maestri di arti marziali per i programmi di addestramento. Ad esempio negli anni ’80 venne svolto l’esperimento di addestramento all’Aikido tenuto da Richard Strozzi Heckler, a sua volta allievo del grande maestro Ueshiba, inventore dell’Aikido o via dell’armonia.  L’Aikido è basato, in completo contrasto con una tradizionale strategia bellica, sulle virtù taoiste della non resistenza, dello sforzo senza sforzo e del continuo mutamento. Le tecniche si basano su movimenti impercettibili del corpo che permettono di scansare millimetricamente i colpi dell’avversario e di ritorcere su di lui la sua stessa forza e aggressività col fine ultimo di arrivare alla comprensione e alla comunione con l’avversario stesso. In questo programma dopo alcuni mesi addestramento un gruppo di 25 berretti versi, tutti sottufficiali o ufficiali, selezionati e di provato mestiere, riuscirono con un controllo scientifico dei risultati a elevare le proprie capacità nel tiro, nella resistenza in mare e nello stress prolungato.

Esiste un lato oscuro delle arti marziali che solo recentemente e in maniera molto distorta si è manifestato. È il ninjitsu[xi] che comprende tecniche di combattimento non convenzionale e assassinio politico, spionaggio, rituali magici e tradizioni religiose del buddismo zen. I ninja traggono le loro origini dal medioevo giapponese ma l’importanza della guerra non convenzionale era ben nota nell’antica Cina. L’arte della guerra di Sun Tzu, scritto al 500 d.C. è il primo grande classico di strategia militare in cui molta importanza è data al concetto che un esercito dovrebbe attaccare solo quando il nemico è stato indebolito all’interno.  A questo fine erano consigliati lo spionaggio, la disinformazione, l’intrigo e la congiura. Nel tredicesimo capitolo Sun Tzu espone la sua teoria secondo la quale il saggio condottiero si distingue dagli uomini comuni per una superiore visione globale degli eventi che non deriva dalla divinazione o dagli spiriti ma da una rete di abili informatori.

Vengono distinti cinque tipi di agenti:

1)    Gli In-kan. Sono gli informatori reclutati tra gli abitanti del territorio nemico.

2)    I Nai-kan. Sono i funzionari del governo nemico che tradiscono, essi sono pagati per fornire informazioni.

3)    Gli Yu-kan. Sono le spie nemiche scoperte che cambiano bandiera.

4)    Gli Shi-kan. Sono gli agenti spendibili che vengono infiltrati tra il nemico con false informazioni e fatti scoprire.

5)    Gli Sho-kan. Sono le spie classiche, usate per ricognizioni nel territorio nemico.

Le informazioni dovevano essere costantemente raccolte e contemporaneamente venivano disseminate false voci per demoralizzare il nemico. È interessante notare che l’ideogramma usato per indicare la spia è il carattere kan che significa anche “lo spazio tra due oggetti” e “discordia”.

Molti secoli prima di Machiavelli la strategia di Sun Tzu è profondamente basata sull’inganno del nemico. Questa filosofia orientale è esattamente l’opposto del concetto europeo di guerra totale, dalla falange macedone alle trincee della prima guerra mondiale.

Secondo la tradizione le arti marziali nacquero in India. La più antica arte di combattimento di cui ancora si conservi memoria è, infatti, il Kalari Payat indiano, la disciplina di lotta a mani nude e con armi da taglio. Si dice che il suo fondatore fosse il monaco Bodhidarma[xii] che fece un viaggio verso la Cina dove fondò il monastero fortezza di Shiao-Lin. A loro volta la tradizione delle arti marziali passò dalla Cina al Giappone attorno al 700 d.c. Il primo ninja sarebbe stato il principio Yamato, secondo quanto tramandato dal più antico testo scritto giapponese del 714 d.c., che contiene tra l’altro il racconto di un assassinio politico in pieno stile ninja. L’evoluzione delle scuole di arti marziali fu poi molto simile in Cina e in Giappone.

L’insegnamento avveniva all’interno di scuole in cui i segreti erano gelosamente conservati e trasmessi dai maestri agli allievi, all’interno di un rigido sistema gerarchico. Gli allievi iniziavano il loro apprendistato in giovanissima età e per lo più provenivano da famiglie di guerrieri. L’addestramento era continuo e durissimo, con una serie di barriere e di esami che costituivano degli importanti riti di passaggio, con un contemporaneo condizionamento fisico e mentale. Il fine di questi lunghi anni di pratica era il controllo fisico della mente, delle emozioni e del corpo. Ogni scuola si specializzava in alcune tecniche, ad esempio l’uso di armi da fuoco e di esplosivi, le tecniche di mimetismo, travestimento e infiltrazione, l’uso dell’ipnosi, di erbe medicinali e di veleni. È interessante questo sovrapporsi, su livelli diversi, di tecniche di combattimento, maneggio delle armi, pratiche di meditazione, tecniche di meditazione, tecniche di Yoga e alchimia. Il denominatore comune era la ricerca chiamata Chi in Cina e Ki in Giappone, con l’obiettivo antico della ricerca del proprio io attraverso le pratiche marziali e lo studio della tradizione mistica.

Sui ninja fiorirono diverse leggende, nelle quali insistevano in particolare sulla loro capacità di apparire e scomparire a loro piacimento.[xiii] Questi effetti d’invisibilità venivano raggiunti in molti modi.[xiv] Evidentemente sapevano che l’occhio umano è particolarmente sensibile al movimento, poi ai contorni di un oggetto e infine ai colori; dunque l’invisibilità può essere ottenuta restando immobili, alterando la propria sagoma o utilizzando abiti con colori scuri o mimetici che si armonizzano con il territorio circostante. L’arte del celarsi dava indicazioni molto precise, suddivise secondo nomi di animali. La tecnica della quaglia consisteva nello sfruttare i piccoli spazi che ci sono tra gli oggetti molto grandi, che distraggono con la loro massa imponente un osservatore. Il metodo del procione consisteva invece nell’uso di luoghi sopraelevati: tronchi, travi, tetti, partendo dal principio che raramente gli uomini sollevano lo sguardo durante la ricerca. Il sistema della volpe prevedeva l’uso dell’acqua anche per far perdere le tracce o per attirare il nemico in un elemento ostile. La scomparsa, per mezzo del fuoco prevedeva l’uso di granate abbaglianti, incendiarie e fumogene che oltretutto rendevano “magiche” le apparizioni e le scomparse dei ninja agli occhi degli osservatori ingenui. Accanto a questi metodi veniva anche impiegato il controllo della respirazione, efficace nel disciplinare le emozioni e il battito cardiaco degli operatori allenati.

Molta importanza veniva attribuita all’uso di droghe, veleni e medicinali. La medicina tradizionale cinese passò in Giappone attorno al settecento dopo Cristo, dove prese il nome di Kampo,[xv] con tutto il suo grande bagaglio di medicinali ricavati dalle erbe. I veleni erano ricavati dalle piante oppure dagli escrementi di animali, quali i serpenti di terra e di mare. Anche se possono apparire dei mezzi bellici arcaici, i veleni sono stati ad esempio utilizzati ampiamente, con grande efficacia, dai vietcong nella preparazione di trappole durante la guerra di liberazione del Vietnam. Anche in questo caso oltre all’effetto diretto sul nemico è importante l’effetto psicologico: per un americano che finiva sulle punte avvelenate ce n’erano centomila che si spaventavano a morte.

La figura dei ninja è stato spessa confusa con quella dei monaci Yamabushi, letteralmente “coloro che vivevano nelle montagne”[xvi] seguaci di una religione con elementi di buddismo e dello shintoismo e componenti della magia Tantra. Questi monaci si sottopongo a lunghi pellegrinaggi in alta montagna, accompagnati da pratiche di digiuno e di deprivazione sensoriale per raggiungere poteri come la chiaroveggenza, la telepatia e la telecinesi. In questo ci sono forti somiglianze con i monaci guerrieri cinesi, tibetani, gli sciamani siberiani e sudamericani.  Da un punto di vista pratico la figura del un monaco errante era una copertura ideale per agenti dello spionaggio impegnati in operazioni d’infiltrazione e ricognizione.

 

 

 

 

l’età contemporanea

 

 

Le guerre del periodo medioevale in Europa erano condotte da mercenari, professionisti della guerra che raramente desideravano sterminare gli avversari, colleghi di mestiere. Combattere bene era più importante che uccidere il nemico e riscattare i prigionieri

Con la rivoluzione francese si ebbe però una svolta decisiva nel modo di far la guerra.

Il periodo storico della rivoluzione francese è la parte culminante dell’ascesa e del predominio della borghesia come classe. Essa era già stata anticipata dalle guerre franco-spagnole per il predominio in Italia nel XVI. Fu la Spagna, la quale possedeva un impero coloniale e che viveva dei proventi delle attività commerciali con cui sfruttava le terre e i popoli d’Africa, Asia e America, che pretese di dominare l’Europa alla stessa maniera. La potenza militare spagnola era certamente maggiore di quella francese, tuttavia la Francia costituiva già uno stato più omogeneo e più accentrato, dove la borghesia appoggiava apertamente la monarchia contro gli interessi della nobilita. Senza contare che la Francia, nella sua lotta contro la Spagna, poté avere l’appoggio dei nobili tedeschi, che, ha loro volta contro l’impero spagnolo, volevano consolidare l’autonomia di certe regioni tedesche, utilizzando a tale scopo non solo l’alleanza con la Francia, ma anche le contemporanee guerre di religione.

Le guerre condotte contro la monarchia spagnola annunciavano il nuovo modo di produzione, in quanto erano caratterizzate da un postulato di fondo: la formazione di stati nazionali. Che era all’epoca un fatto rivoluzionario, poiché tendeva alla distruzione dei rapporti economici preborghesi e alla loro sostituzione con il mercato capitalistico.

È durante il periodo della rivoluzione francese che comincia a essere introdotta in molte nazioni la coscrizione obbligatoria. La maggior parte dei cittadini maschi validi si trovò a prestare il servizio militare senza avere una vocazione guerriera e tantomeno un interesse economico diretto.

Nacque così la guerra totale, che interessava tutto il popolo, mobilitato in nome di concetti come Nazione, Libertà e Rivoluzione. La nuova guerra di popolo iniziò a dettare le sue regole. La guerra non subiva più interruzioni stagionali e non riguardava più soltanto una ristretta cerchia di professionisti (come i mercenari) ma tutto il popolo si trovò per la prima volta a esserne coinvolto.

   Sorse il problema di armare un numero ingentissimo di soldati. L’intera economia delle nazioni si organizzò per sostenere gli sforzi bellici. Furono istituiti i razionamenti dei cibi e la nazionalizzazione delle manifatture d’interesse bellico.

   Anche le risorse intellettuali, di scienziati e tecnici, furono convogliate a contribuire allo sforzo bellico, nella costruzione di armi, fortificazioni e nuovi espedienti per ottenere un vantaggio sull’avversario. A questo punto sorse il problema di motivare e addestrare grandi masse di soldati.

E in questo periodo che cominciano a svilupparsi di codici di disciplina militare e perfezionarsi le tecniche di addestramento dei combattenti.

Il perfezionamento delle armi da fuoco, che richiedevano un addestramento più semplice rispetto alle armi bianche, influenzò anche le tecniche di combattimento. Per alcuni secoli furono impiegate formazioni di soldati in ordine chiuso che si sparavano a breve distanza. Questo rendeva possibile la rimozione dei freni psicologici del combattente, poiché quello che doveva uccidere era un uomo sconosciuto. La distanza, seppure breve, era sufficiente per impedire alla vittima di suscitare compassione nell’aggressore e rimandare il corpo a corpo solo a una fase successiva: a questo punto subentrava la carica alla baionetta dove la compagine più motivata e solida psicologicamente travolgeva l’avversario.

Se fino ad allora le milizie mercenarie potevano cambiare bandiera vendendosi  al miglior offerente, con la coscrizione di massa divenne evidente il fenomeno della diserzione, da parte di quanti costretti a combattere, desideravano salvarsi la vita fuggendo. Il problema era enorme; soltanto nella guerra civile americana, nel 1863, fra i confederati vi furono centomila disertori.

In quest’epoca di carneficine fra i fanti in formazioni a ranghi serrati, con l’andare del tempo per sostenere e dare coraggio al soldato in guerra si affiancano all’alcool nuove sostanze.

In Europa alla fine dell’Ottocento venne presa in considerazione la cocaina alla quale persino Sigmund Freud dedicò in quel periodo attenti studi

L’uso di masticare le foglie le foglie di coca era diffuso da molti secoli fra gli abitanti delle regioni andine, per alleviare le fatiche del lavoro in montagna , ma la coca fu importata in Europa solo nel 1580. Nel 1860 fu scoperta la cocaina, e nel 1883 il medico tedesco Theodor Aschenbrandt sperimentò questa sostanza su alcuni militari in vista di un eventuale impiego in guerra, riscontrando che i soldati trattati mostravano una maggior energia e un’accresciuta capacità di resistere.[xvii] Si tratto probabilmente del primo caso di doping. Queste rudimentali tecniche di doping cominciarono a essere usate in campo veterinario. Gli stessi  stimolanti impiegati per ottenere prestazioni migliori dai cavalli erano a disposizione di alcuni reparti della cavalleria francese per essere utilizzati durante azioni di combattimento particolarmente impegnative.

Gli entusiasmi per la cocaina si raffreddarono però quando si scoprì che questa sostanza era in grado di creare una forte dipendenza nei soggetti che l’assumevano. Era di quegli anni che si scoprì la “malattia del soldato”, ossia la tossicodipendenza da morfina che colpì più di 45.000 persone al termine della guerra civile americana.

Nello stesso periodo, la paura, questo che era considerato il “sentimento dei deboli”, cominciava essere oggetto di attenzioni scientifiche. Amedeo Latour[xviii] descrive su di sé gli effetti del bombardamento di Chatillon: “Durante i primi giorni io tremavo ad ogni colpo di cannone con forti e frequenti palpitazioni di cuore e tremore delle mani. La mia lingua era presa da una specie di insopportabile core, che certamente io ho provato spesso nell’occorrenza di vive emozioni, di cui ebbi, durante la vita, di cui ebbi, durante la vita, la mia parte. È uno strano fenomeno, che io non ho trovato in alcun luogo descritto. I muscoli della lingua sono presi da convulsioni, le quali fa sì che l’organo eseguisce movimenti irregolari a destra e sinistra, si fissa contro il palato, o si rovescia sul frenulo, mantenendosi in costante e dando luogo ad una spiacevolissima ed irritante sensazione, il parlare è  impedito, è l’articolazione dolorosa, così che è impossibile di leggere ad alta voce, e il conversare è cosa molto difficile. Questi movimenti linguali sono interamente indipendenti dalla volontà, che non può arrestarli né modificarli per qualunque sforzo essa faccia. Il sonno li sospende; ma ricomparirono tosto nello stato di veglia. Questo disordine durò la prima settimana, ma dopo questo tempo, come io divenni abituato al rumore, i muscoli linguali e cardiaci ripresero la loro azione normale”.[xix]

Tra la metà dell’800 e il primo decennio del ‘900 si formano imperi coloniali, i paesi imperialisti  che erano impegnati nelle campagne coloniali, dovettero confrontarsi a volte in conflitti contro gruppi tribali che combattevano con strategie e armi meno raffinate, la tenacia e l’audacia di questi combattenti che difendevano la loro terra faceva ritenere ai militari colonialisti, che questi combattenti erano sotto l’effetto di sostanze psicoattive. Uno dei casi più famosi, è stato nel 1898 nelle Filippine è lo scontro che avvenne tra le truppe statunitensi e i Moros Juramentados, mussulmani che avevano già combattuto contro gli spagnoli. Numerosi soldati statunitensi furono uccisi sotto i colpi delle armi bianche di questi indigeni, che sembravano insensibili al dolore riuscivano a continuare i loro attacchi anche se feriti da numerosi colpi di revolver. Non riuscivano a capire (e non potevano capirlo per via del loro razzismo), i colonialisti la volontà di lotta dei popoli che non si vogliono sottomettere.

 

 

brevi note sul sacrificio

 

Il sacrifico è considerato l’antibisogno per eccellenza (perché c’è rinuncia, privazione), è caratterizzato e si distingue per l’autorepressione dei bisogni dovuto a una scelta soggettiva di coscienza.

Il sacrificio è una forza molto potente della Storia: le stupide teorie clericali e borghesi sul “naturale” egoismo umano hanno sempre dimenticato, rimosso gli immensi sacrifici sopportati coscientemente, nel corso dello sviluppo del genere umano, da masse enormi per il soddisfacimento dei loro bisogni ed ideali: rivoluzioni, guerre di liberazione nazionale, guerre civili, le guerre giuste come quella condotta dall’URSS nella lotta mortale contro il nazifascismo. Altre forme di sacrificio si trova nel sacrificio quotidiano, grigio ma non per questo meno eroico dello schiavo cristiano che andavano incontro al martirio della croce inflittogli dai suoi padroni e dallo Stato Romano schiavista; nel sacrificio quotidiano del militante comunista durante il fascismo e il nazismo in Italia e in Germania. Le tendenze verso l’egoismo, l’autoconservazione propria e dei suoi discendenti, verso l’indifferenza si sono sempre scontrate in ogni uomo con la tendenza (che è reale) all’altruismo, al sacrificio per gli altri.

Di esempi concreti di sacrifici sofferti sono innumerevoli: pensiamo all’eroico comunista torinese Dante Di Nanni. Ferito in un azione dei GAP è circondato dai nazifascisti dove muore combattendo infliggendo pesanti perdite al nemico. Ma Dante era un ragazzo di 17 anni, che indubbiamente come tutti i ragazzi della sua età voleva vivere, ma che era costretto a lottare “ soprattutto perché, se oggi non facessimo nulla non ci sarebbe ma un domani da cui cominciare a cambiare veramente le cose”.[xx]

Voglio adesso esporre una tesi che potrebbe essere presa per assurda: che nella stragrande maggior parte degli esseri l’altruismo è più forte delle tendenze egoistiche. Che questo altruismo può a volte assumere forme corporative, ma sempre altruismo è. L’esperienza pratica offre miliardi di esempi: la priorità data ai figli, ai discendenti  dalla grande maggioranza dei genitori. Se si trattasse di scegliere nei casi tra la propria vita e quella dei figli la maggioranza dei genitori (specie se madri, ma non solo) saprebbero cosa scegliere. L’imprenditore avarissimo ma che nella vita privata ma che cede ad ogni pretesa dei rapitori del figlio/a.

 

La guerra industriale nei due conflitti mondiali

 

Il lungo periodo di Pace in Europa durante la Belle Époque, in realtà fu caratterizzato da una crescente e generalizzata preparazione alla guerra. Il capitalismo era entrato nella sua fase imperialista, che divise tutti i paesi imperialisti in due gruppi fondamentali: gli sfruttatori e gli sfruttati, ma anche dalle più svariate forme di paesi asserviti, che formalmente erano indipendenti dal punto di vista politico, ma che in realtà sono assoggettati da un punto di vista finanziario e diplomatico. La tendenza dell’imperialismo è non solo quello dell’assoggettamento di territori agrari da parte dei paesi più industrializzati – questa era la caratteristica dell’epoca coloniale – ma anche all’assoggettamento di stati più deboli sul piano politico-militare e su quello economico-finanziario da parte degli stati più forti. Si tratta quindi di una lotta per l’egemonia mondiale, che si svolge su ogni piano e su scala mondiale.

Protagonista principale di tale lotta è lo Stato. Esso, nell’epoca imperialista, non è più soltanto depositario della forza della classe dominante, che all’occorrenza saprà usarla in maniera diretta, ma è diventato anche l’istituzione finanziaria più importante, attraverso i mille legami che ha con le centrali finanziarie private e attraverso il controllo sulla concentrazione bancaria.

Prima del 1914 l’eventualità di una guerra tra gli stati imperialisti non era presa sul serio. I teorici della borghesia sostenevano la concezione della cosiddetta “pace armata”, secondo la quale la nostra “civiltà” si sarebbe progressivamente estesa a tutto il pianeta, nella certezza che governati e governanti non si sarebbero ma fatti prendere dalla follia di una conflagrazione europea, dati i moderni mezzi di distruzione. Anche da parte socialista si finì per credere che le classi dominanti e i governi avrebbero evitato ad ogni costo lo scontro diretto.

La tesi principale dei revisionisti e degli opportunisti, circa i caratteri dell’epoca imperialista, è che la base economica e quella politica sarebbero separabili e che, dunque, l’imperialismo non sarebbe che una particolare tendenza politica, alla quale sarebbe opponibile, stanti gli stessi rapporti economici, una politica pacifica di almeno alcune potenze imperialiste.

Questa tesi, non tiene conto che l’imperialismo non è uno specifico modo di produzione, ma il risultato inevitabile dello sviluppo delle categorie capitalistiche. Dunque tra base economica e politica imperialista c’è un nesso indicibile: lo sviluppo della concentrazione capitalistica ha come conseguenza la caduta tendenziale del saggio di profitto, da cui nasce la ricerca spasmodica di spazi economici in cui possibile realizzare tassi di profitto maggiori e, di conseguenza è ineliminabile la tendenza da parte dei maggiori stati imperialisti, alla continua spartizione e ripartizione del mondo in zone d’influenza.

La natura aggressiva dei rapporti tra gli stati è sempre stata una loro caratteristica fondamentale, che assurge a legge assoluta nel periodo dell’imperialismo.

Lo studio della legge della caduta del saggio di profitto di Marx ci aiuta a capire le dinamiche del Modo di Produzione Capitalista e della motivazione perché alla fine è destinato a cadere. Infatti, il saggio di profitto è espresso con la frazione p/c+v, dove al numeratore c’è la massa del plusvalore e al denominatore l’ammontare del capitale costante e del capitale variabile. Si tratta ormai non più di grandezze nazionali ma internazionali, poiché relazioni, poiché le relazioni economiche e commerciali internazionali, che già Marx indicava come controtendenza, hanno definitivamente trasformato il capitalismo in un unico mercato mondiale. Ebbene, se trasformiamo con una semplice operazione matematica, la suddetta frazione nell’altra (p/v fratto c/v + 1), scopriamo che il saggio medio del profitto è direttamente proporzionale al saggio di plusvalore e inversamente proporzionale alla composizione organica del capitale. Ecco così scoperta la tendenza fondamentale e le eventuali controtendenze possono solo ritardare e aggravare la crisi del capitalismo, ma non evitarla. Ciò che condanna il capitalismo è là la tendenza sempre più marcata alla crescita del capitale costante, all’impiego sempre più che proporzionale del lavoro morto rispetto al lavoro vivo. Tendenza ineliminabile perché ogni capitalista, ogni gruppo industriale, ogni centrale finanziaria, privata o pubblica sa che solo così potrà appropriarsi di una proporzione sempre maggiore di plusvalore prodotto socialmente attraverso il “miracolo” della trasformazione dei valori in prezzi di produzione, prima, e di mercato poi. Ma alla fine la socialità della produzione non tollera alla fine l’appropriazione privata. Per quanto dolorose controtendenze che l’umanità deve sopportare per il mantenimento del Modo di Produzione Capitalistico, dalle più brutali tecniche di sfruttamento del lavoro vivo per far innalzare il numeratore di quella frazione (p/v), al più brutale sfruttamento dei popoli del Tricontinente e alla più brutale distruzione delle risorse energetiche della terra, per accaparrarsi materie prime a buon mercato e ottenere così una provvidenziale diminuzione di (c/v), intorno al secondo decennio di questo secolo, gli stati imperialisti hanno dovuto trovare di meglio: una guerra generalizzata tra gli stessi stati imperialisti, che, come e più delle altre controtendenze, funzioni in modo tale da diminuire drasticamente la composizione organica media. Come tutte le altre controtendenze, la guerra funziona come antitossina, che come ogni organismo malato produce, e pertanto sono tutte accompagnate da giustificazioni morali e ideologiche. Il ricorso alla guerra è giustificato facendo appello all’amor  di patria, all’orgoglio nazionale, alla difesa dei “sacri” principi di libertà e del diritto internazionale. Dal 1914 il mondo è entrato nell’epoca della guerra imperialista e della rivoluzione proletaria. Si tratta di una lotta mondiale, che con l’Ottobre 1917 l’esito storico era stato anticipato. Le guerre imperialiste non rappresentano per niente una soluzione della crisi storica del capitalismo, bensì il suo aggravamento in ogni caso e, nella migliore delle ipotesi per il capitalismo, solo il suo rinvio.

   In Italia a preparare questo clima di guerra contribuì il movimento futurista guidato da Filippo Tommaso Marinetti e il “vate guerriero” Gabriele D’Annunzio.

Nel 1909 Marinetti pubblicando il Manifesto del futurismo che enunciava il programma non solo artistico, ma anche politico del movimento, proclamava “Noi vogliamo glorificare la guerra, sola igiene del mondo, il militarismo, il patriottismo, il gesto distruttore dei libertari, le belle idee per cui si muore”.[xxi]

Quando poi scoppiò il conflitto oltre all’esaltazione futurista dell’atto eroico individuale e della “bella morte” di D’Annunzio troviamo degli esempi di propaganda e di guerra psicologica.

Episodi come il “volo di Vienna” e la “beffa di Bucari” ebbero grande risonanza a livello mondiale. La novità non consisteva nelle azioni eroiche presunte o reali ma nel confezionare un vero e proprio prodotto pubblicitario destinato alle masse. Tutto ciò fu utilizzato per ottenere il maggior eco possibile sugli organi di comunicazione.

Espressivo l’utilizzo dei mezzi più moderni, come l’aereo, il motoscafo veloce, ma anche il lancio di volantini per demoralizzare la popolazione del campo avverso direttamente nelle città.

Nell’età moderna, l’espansione dei sistemi di comunicazione contribuì a rendere ancora più totali le guerre. La popolazione, grazie alle notizie inviate in breve tempo da luoghi lontani tramite il telegrafo, poté partecipare direttamente agli eventi della guerra. E fu coinvolta nello sforzo della produzione industriale degli enormi quantitativi di materiali bellici necessari al fronte.

Grazie alle colorite corrispondenze degli inviati dei giornali, la guerra cessò di essere per i civili un evento lontano, com’erano state invece le guerre coloniali del secolo precedente.

Iniziò così l’abolizione della differenza fra combattenti impegnati al fronte e civili al sicuro nella vita civile, che poi scomparirà del tutto nella seconda guerra mondiale, quando le parti s’invertirono; dove le perdite fra i civili superarono quelle dei combattenti nelle prime linee.

In tutte le nazioni belligeranti, gli organi di stampa dopo i primi scontri e la stabilizzazione del fronte nella guerra di trincea ci fu la mitizzazione di figure combattenti individuali come gli assi della caccia o in Germania i comandanti dei sottomarini. Viceversa si preferì censurare spesso l’orrore quotidiano della guerra di trincea caratterizzata da condizioni di vista disumane, con centinaia di migliaia di uomini costretti a vivere in ripari di fortuna, esposti alle intemperie e ai continui bombardamenti dell’artiglieria nemica e con la prospettiva di essere lanciati all’improvviso in attacchi suicidi contro le linee nemiche difese da filo spinato, mine e mitragliatrici.

Questa predominanza della difesa sull’offesa grazie all’uso delle armi moderne si era già manifestata nella guerra russo giapponese (1904-1905). Ma questo fatto era sfuggito agli Stati Maggiori europei. In particolare l’esercito francese nel 1914 si lancio contro le linee tedesche in attacchi frontali [xxii] e il Regio Esercito italiano si trovò a dover affrontare le munitissime linee permanenti austro-ungariche lungo il confine orientale senza un’artiglieria adeguata per qualità e quantità.

Non è un caso che negli eserciti si svilupparono ammutinamenti come in quello nel 1917 in Francia e in Russia e nel 1918 nella marina militare tedesca (negli ultimi due casi, gli ammutinamenti erano dentro un processo rivoluzionario in atto).

I comandi per mantenere la disciplina, come strumento di controllo, oltre alla disciplina severa dei tempi di guerra, e all’uso di ampi contingenti di polizia militare, delle fucilazioni di massa e dei reparti punitivi, furono utilizzati mesi di propaganda e di persuasione.

Tutto questo nasce dal fatto che la borghesia è cosciente che per mantenere l’ordine pubblico non è sufficiente reprimere, neutralizzare o prevenire i comportamenti considerati “asociali” dei singoli individui. Tra l’altro questo non sarebbe neanche una novità, si faceva anche nelle società primitive. Il salto di qualità sta nel fatto, di fare in modo che la massa della popolazione obbedisca alle leggi e segua le abitudini che la classe dominante ha stabilito e che comunque tutela tramite lo Stato, benché in esse siano in contrasto con gli interessi e le aspirazioni o i bisogni di una grande parte della popolazione.

Per questo la borghesia per motivare le truppe e la popolazione civile, grazie allo sviluppo della psicologia sociale e dei mass media, puntò su alcuni temi fondamentali quali: il nazionalismo esasperato, il culto della sacralità della patria, il disprezzo disertori. In quest’attività fu coadiuvata dalle autorità religiose.  Man mano che gli ideali di patria andavano, perdendo il loro mordente sotto la drammatica esperienza della guerra, la propaganda iniziò a toccare altri tasti come le atrocità compiute dal nemico. Se sui giornali popolari l’immagine frequente dei soldati che balzavano all’assalto gridando il loro amore di patria era sempre più lontano dalla realtà, le canzoni spontanee dei soldati parlavano degli orrori della guerra,[xxiii] degli affetti rimasti a casa, del paese lontano.

Non è un caso che al fronte dilagò l’uso di alcool etilico, sotto forma di vino e liquori, unico conforto ai disagi della vita di trincea.

Agostino Gemelli,[xxiv] fondatore dell’Università Cattolica, in quel periodo illustrava come l’abbrutimento dei soldati in trincea garantisse il loro adattamento alle sofferenze e ai combattimenti che richiedevano soprattutto obbedienza e rassegnazione.

Anche Paolo Caccia Dominioni[xxv]  annotava il 4 novembre 1916 nel suo diario come “…il fiasco infonde ardore al goliardo nervoso che comanda il plotone e deve uscire in pattuglia con una ventina di giannizzeri e non gli permettono neppure di aspettare il buio. Il vino dà la rassegnazione al poveraccio che non comanda un cavolo, che è appena uscito dalla settima azione e già vede delinearsi l’ottava”.[xxvi]

L’alcool è però una droga imperfetta; se da un lato induce euforia e permette di superare l’ansia, dall’altro diminuisce la vigilanza e la coordinazione motoria del soldato, riducendone la performance nel combattimento; e di certo non erano migliori gli effetti dell’etere che, secondo alcune fonti, aveva una diffusione fra le truppe tedesche, per vincere la paura prima degli assalti alla baionetta.

Per superare la staticità della guerra di posizione gli austro-ungarici misero in campo reparti d’assalto (Sturmtruppen), unità speciali costituite per compiere operazioni di sorpresa contro le linee nemiche, per catturare prigionieri, creare un continuo stato di allarme e aprire dei varchi nelle linee avversarie per le truppe convenzionali. Il reclutamento avveniva per lo più su base volontaria, fra gli uomini che avevano le caratteristiche psicofisiche più idonee per le operazioni speciali.

Il grosso dell’esercito ordinario restava composto di un gran numero di elementi con un profilo psicofisico meno brillante, dotati di armamenti convenzionali (fucile e baionetta) e addestrati in modo più sommario.

Le Sturmtruppen rimasero una componente integrata nelle unità di fanteria, con il compito spesso di trascinare negli assalti la massa.

Proprio questi reparti servivano a modello per la creazione in Italia dei reparti di arditi. Questi nacquero nell’estate del 1917 in seno alla Seconda Armata, comandata dal generale Capello. La formazione del personale fu particolarmente accurata, con l’istituzione di poligoni appositamente predisposti, un’accurata preparazione fisica, e al combattimento corpo a corpo con l’uso del pugnale e delle bombe a mano.

Una differenza rilevante alle Sturmtruppen fu l’impiego come vere e proprie unità autonome per operazioni speciali, svincolate dal sostegno della fanteria.

Queste truppe d’élite nel 1919 in Germania originarono i Freikorps, unità volontarie che soffocarono nel sangue la rivoluzione tedesca e furono in seguito i primi quadri del partito nazista. In Italia molti arditi seguirono D’annunzio nell’impresa di Fiume e aderirono ai primi Fasci di Combattimento.

Ma l’uno si divide in due. L’influenza della rivoluzione di Ottobre non poteva non influenzare anche queste truppe di élite. In Italia nel 1921 si costituirono gli Arditi de Popolo: loro fondatore fu Argo Secondari pluridecorato tenente delle fiamme nere (Arditi che provenivano dalla fanteria). La nascita degli Arditi del Popolo fu annunciata da Lenin sulla Pravda. In Germania abbiamo persino il passaggio dai Freikorps alla lotta all’interno del movimento comunista. Josef  “Beppo” Römer uno dei fondatori dei Freikorps (che aveva contribuito tra l’altro a reprimere la rivolta operaia della Ruhr nel 1920), nel 1921 entra in contatto con il Partito Comunista di Germania (KPD) diventandone membro effettivo nel 1932. Fu un combattete antinazista, fonda il Sozialistiche Front, gruppo di ex combattenti dei corpi scelti Freikorps formato sia da nazionalisti che da militanti di sinistra. A seguito dell’infiltrazione di queste cellule da parte della Gestapo, è arrestato nel febbraio 1942. Condannato a morte il 16 giugno 1944, venne ucciso il 25 settembre di quello stesso anno. [xxvii]

Come si diceva prima, l’alcool è una droga da guerra imperfetta.  Per questo motivo durante la seconda guerra mondiale raggiunse una grande diffusione dei nuovi e più efficaci stimolati chimici, le anfetamine. Militari americani, inglesi, tedeschi e giapponesi utilizzarono con larghezza queste sostanze che, sintetizzate alla fine degli anni ’20, erano state introdotte nella pratica nel 1936.

Se lo sviluppo delle artiglierie e degli aerei da bombardamento nei primi decenni del secolo sembrava aver ridotto il ruolo del singolo combattente, l’impiego, durante la seconda guerra mondiale, di truppe addestrate per operazioni speciali portò nuovamente alla ribalta l’importanza del fattore umano.

Il reparto di paracadutisti tedesco della settima divisione aviotrasportata che nel maggio 1940 sbarcò con gli alianti sopra al poderoso forte belga di Eben Emael e riuscì a espugnarlo, poteva contare fra l’equipaggiamento anche su compresse di Pervitin, anfetamine utili per sostenere un impegno fisico così intenso.  Più tardi nel corso della seconda guerra mondiale i servizi d’informazioni alleati ipotizzarono l’impiego, da parte degli aviatori tedeschi della Luftwaffe, di un derivato surrenalico, detto Composto E che avrebbe consentito loro una maggiore resistenza fisica ai voli ad alte quote. Fu condotto un intenso programma di ricerche, sotto la guida dell’endocrinologo Kendall (premiato con il Nobel nel 1950), fio a quando non fu scoperto che i piloti tedeschi usavano anfetamine; gli studi alleati portarono alla scoperta del cortisone.

Durante il conflitto sarebbero stati forniti alle sole truppe britanniche più di settanta milioni di compresse di anfetamina e non è un caso che in Giappone, nell’immediato dopoguerra, furono immessi sul mercato civile gli enormi stock di questa sostanza, prodotti per uso militare. Questo surplus di farmaci diede luogo in quel paese a una vasta diffusione della tossicodipendenza da anfetamine, “ice che ”, smerciate dalla yakusa, che ebbe il suo culmine di propagazione negli anni ’50, con circa 600.000 tossicomani, quando si tentò di stroncarlo con drastiche , misure repressive. [xxviii] Le gang giapponesi, tra cui le maggiori erano Yamaguchi Gumi e Sumiyoshi Renco arrivarono a gestire le grosse fabbriche clandestine di anfetamine anche nella Corea del Sud, con l’appoggio o per la benevola indifferenza del servizio segreto sudcoreano.

Nella seconda guerra mondiale, dal 1944 alla fine del conflitto migliaia di aviatori giapponesi si sacrificarono in attacchi suicidi di massa contro la marina americana. Il fenomeno dei Kamikaze fu una caratteristica del Giappone e non ebbe equivalenti negli altri esercitici partecipanti al conflitto. Non che non ce ne siano stati: per esaltazione, perché non c’erano vie di scampo, per scelte morali (per salvare altre persone per esempio). Ma nella cultura e nella morale occidentale il suicidio è un male, di cui è al massimo ammessa una scusante in casi eccezionali. Nella cultura giapponese invece il sacrificio della propria vita ha riscosso l’approvazione sociale e ciò affonda le sue radici fin dall’antichità. Secondo lo shintoismo, l’imperatore era un Dio vivente e il meno che gli si poteva offrirgli era la propria vita. Lo shintoismo, che dal 1868 era diventato religione di stato, vi sono le più antiche religioni orientali come il confucianesimo e il buddismo, caratterizzate da alcuni elementi comuni come il disprezzo della vita terrena e della morte, l’esaltazione della pura spiritualità e del misticismo. Se per Confucio il suicidio come nella antichità classica greca e latina era una possibilità accettabile, per i giapponesi divenne addirittura un fine, il coronamento di un’esistenza dedicata al Bushido, “la via del guerriero”. Anche nel buddismo Zen e nel Mikko esoterico dei monaci Yamaguchi il ripudio dell’Io materiale, l’indifferenza per qualsiasi dolore fisico e la ricerca della morte sono considerati i mezzi più idonei per raggiungere il nirvana, il nulla e il tutto.

Gli antichi samurai erano la quintessenza vivente dei principi etici ed estetici della società giapponese tradizionali. Militarismo e religiosità sono due entità inseparabili e complementari per la cultura “dell’impero flottante” e il Bushido.

Negli anni ’30 l’ideologia ultranazionalista propagandata da innumerevoli sette segrete come i Draghi Neri, la Società del Ciliegio, appoggiati dalle potenti lobbies industriali Zaibatsu, contagiò tutti gli strati della società e in particolare le forze armate. Dopo le facili vittorie ottenute in Manciuria e nel Kwantug contro l’esercito cinese, l’alto comando nipponico impose a un governo indebolito il piano strategico di espansione in tutto l’Estremo Oriente, provocando alla fine lo contro con l’imperialismo statunitense. Da questi presupposti storici, un’analisi psicologica che l’estremo autocontrollo, su cui era basata tutta la società nipponica, nei rapporti interpersonali, nelle arti e nella cultura, era destinata a far sì che tutti i soldati carichi di questo fanatismo mistico, abituati a una disciplina durissima e molto motivati, si dimostrarono in guerra dei combattenti spietati e insensibili sia verso il nemico sia nei loro stessi confronti.

Da questi presupposti risulta più comprensibile il fenomeno dei kamikaze. Già nei primi anni della guerra nel Pacifico numerosi aviatori giapponesi si erano sacrificati lanciandosi contro i mezzi nemici ma si trattava di fatti individuali e non codificati. Dalla fine del 1943 le sorti del conflitto erano mutate e le forze imperiali giapponesi, dapprima credute invincibili, erano state costrette alla difensiva.

Il 15 ottobre 1944 il contrammiraglio Masabumi Arima, comandante della prima flotta aerea della marina imperiale, attaccò con il suo reparto la Task Group 38/4 dell’U.S. Navy e, tra lo sgomento dei suoi ufficiali, si lanciò deliberatamente contro la nuova grande portaerei Franklin che subì danni gravissimi e oltre 900 morti. L’esempio di Arima ebbe un peso determinante per la costituzione di reparti speciali denominati kamikaze, Vento divino, in ricordo dell’uragano che nel 1281 distrusse la flotta d’invasione mongola di Kublai Khan che si apprestava di invadere il Giappone.

Tattiche suicide furono applicate anche in campo navale, con l’utilizzo di minisommergibili e motoscafi esplosivi. In campo terrestre furono poi adottati armi anticarro come cariche cave montate su aste di legno, così pericolose da provocare di solito la morte dell’utilizzatore.

In Europa nel campo nazista anche se non furono costituiti specifici reparti suicidi, è interessante considerare che alcuni reparti delle Waffen SS, come la Panzer Divisionen Hitlerjugend, riuscirono a mantenere intatta la coesione e la catena di comando dopo aver subito la perdita oltre il 60% degli effettivi in lunghi periodi di operazioni continuate.

Analogamente ci furono reparti costituiti da anziani ultracinquantenni e da adolescenti che resistettero fino all’ultimo durante la battaglia di Berlino, nel maggio 1945.

Nel campo degli eserciti anglosassoni furono sviluppati reparti d’élite, come i paracadutisti e i commandos. Nell’estate del 1940, dopo la caduta della Francia, nell’ambito del commando inglese si sviluppò con l’appoggio dello stesso primo ministro Churchill l’idea di costituire piccoli reparti speciali con cui condurre incursioni con condurre incursioni sulle coste nord dell’Europa per mostrare al nemico la volontà del Regno Unito di continuare la lotta.[xxix] Tali operazioni avevano più che altro un valore simbolico ma costituirono l’inizio della tradizione dei corpi speciali che vennero ad avere un’importanza sempre maggiore negli anni del dopoguerra.

Ai commandos inglesi ben presto si affiancarono da parte USA, i reggimenti dello Special Air service, i rangers.

Anche i tedeschi e gli italiani costituirono unità di commandos. L’Ufficio Tedesco per lo Spionaggio e Controspionaggio (OKW Amt Ausland/Abwehr) formò i Brandenburger nel dicembre 1939. Essi condussero un misto di azioni allo scoperto e sotto copertura, ma divennero sempre più coinvolti in azioni di fanteria e alla fine divennero una divisione di Panzer-Grenadier, che soffrì pesanti perdite in Russia. Otto Skorzeny (noto principalmente per la liberazione di Benito Mussolini) condusse diverse operazioni speciali per conto di Adolf Hitler. In Italia l’unità speciale più famosa fu la Xª Flottiglia MAS, che fu responsabile dell’affondamento e del danneggiamento di un considerevole numero di unità Alleate nel Mediterraneo, grazie al coraggio, alla determinazione e all’addestramento dei suoi uomini. Dopo l’8 settembre 1943, quelli di loro che continuarono a combattere con la Germania mantennero il nome originale, mentre quelli che si schierarono con gli Alleati cambiarono il nome in Mariassalto.

Negli anni della cosiddetta “guerra fredda” tutte le nazioni della NATO costituirono reparti analoghi, mentre i paesi del campo socialista si organizzavano sul modello russo, paracadutisti o spetstnaz.[xxx] Questa tendenza fu imitata dalle cosiddette “nazioni non allineate” e i reparti speciali sono stati impiegati con successo in tutti in conflitti dal secondo dopoguerra fino a oggi. L’emergenza rappresentata dalla “minaccia terroristica” (in realtà sviluppo delle opzioni rivoluzionarie all’interno dei paesi imperialisti) dagli anni ’70 portò un’ulteriore specializzazione, con l’istituzione di “gruppi antiterrorismo” come i GSG-9 della Germania Ovest, la Delta amerikana e il GIGN francese.

Il crollo del revisionismo moderno ha portato infine a un generale ridimensionamento di tutti i maggiori eserciti con la rinuncia alla leva di massa e la tendenza a impiegare quasi esclusivamente reparti costituiti da professionisti. In un certo senso sembra che il ciclo degli eserciti di massa che si era aperto con la Rivoluzione francese si stia chiudendo. Resta il problema della motivazione e dell’addestramento. Nel caso dei corpi speciali caratteristici comune è l’esasperato orgoglio di appartenenza e lo spirito di corpo, simboleggiato anche da particolari dell’uniforme (ad esempio il berretto rosso dei parà o la maglia a strisce blu delle forze speciali russe), dell’equipaggiamento e dell’armamento. Le durissime prove fisiche e psichiche che i candidati volontari devono superare per essere integrati in questi reparti e l’elevata percentuale di scartati rappresentano un vero e proprio rituale iniziatico molto simile in tutti gli eserciti.

 

 

 

 

Tecniche d’interrogatorio, arme psicochimiche, controllo mentale e guerra psicologica

 

 

L’origine della narcoanalisi (tecnica nata per fini psicoterapeutici e parallelamente anche giudiziari) trae le sue origini dal motto latino “in vino veritas”.

Secondo alcune fonti risulta che presso le sette di guerrieri ninja, nel Giappone del XV secolo, era applicata una tecnica definita del “ricordo totale” cui erano sottoposti gli agenti specialisti che compivano le ricognizioni in profondità dentro il territorio nemico. Questa tecnica avrebbe dovuto consentire di estrarre dalle loro menti, nel più breve tempo possibile, ogni informazione immagazzinata anche a livello subconscio durante le missioni. [xxxi]

Sarebbero esistite due varianti di questa tecnica d’interrogatorio. Nella prima l’agente era posto in una “stanza della memoria” completamente dipinta di bianco, dove eseguiva esercizi di meditazione per ottenere uno stato di trance. Di fronte a lui si trovava un basso tavolo bianco, su cui erano posati dei fogli di casta nera, pennello e inchiostro. Il ninja scriveva rapidamente tutti i dettagli sulla carta ed essendo questa nera, come l’inchiostro usato, nulla poteva disturbare il suo stato di trance. Non c’era nessuna ragione per alcun personale attaccamento alle esperienze vissute, semplicemente un freddo ricordo totale. Più tardi il rapporto poteva essere reso leggibile, bagnandolo con un acido che faceva virare verso il rosso il colore dell’inchiostro.

Dopo la scrittura l’agente era fatto riposare mentre i suoi superiori analizzavano gli scritti; poi era svegliato e interrogato a voce. Terminato l’interrogatorio, l’agente era lasciato solo e in stato di meditazione compiva uno speciale rituale per cancellare dalla sua memoria ogni ricordo di ciò che aveva visto, contemplando due ideogrammi cinesi il cui significato era in concetto di cancellazione dei ricorsi.

Il foglio era poi bruciato sulla fiamma di una candela e contemporaneamente ogni memoria della missione era cancellata dalla sua mente. Tutto il processo richiedeva circa dieci ore; esisteva un metodo rapido per il ricordo totale in meno di un’ora che metteva tuttavia in pericolo la salute psichica dell’agente e che per questo motivo era impiegato soltanto nei casi di grave urgenza.

In Cina, negli alti gradi delle Triadi, erano praticate delle tecniche di ascesi basate sull’uso delle droghe estatiche e sullo yoga con controllo della respirazione. La magia, estremamente diffusa in tutti gli strati sociali, era utilizzata per ottenere il controllo della psicologia individuale e collettiva. In particolare all’interno di queste società segrete avevano un ruolo molto importante i Tai Feu Ciu, esperti di medicina tradizionale e in tossicologia e responsabili anche dell’uso di veri e propri “sieri della verità”.[xxxii]

In Occidente i primi esperimenti scientifici d’interrogatorio con l’uso di sostanze psicoattive risalgono alla metà del XIX secolo, quando Moreau de Tours impiegò nel 1845 la Cannabis. Sauver nel 1847 praticò la somministrazione di etere, Mantegazza usò nel 1866 la cocaina, Obernier nel 1873 l’alcool, Kallitsch la scopolamina e Longre infine una miscela di oppio e morfina.

Nel 1936 Horsley utilizzò per la prima volta il termine “narcoanalisi” in occasione degli esperimenti su soggetti trattati con pentotal sodico per fini psicoterapeutici su soggetti trattati con Pentotal sodico per fini psicoterapeutici. [xxxiii] Il termine “siero della verità” era stato usato per la prima volta nel 1931 da House che interrogò un individuo sospettato di furto, con l’impiego di una miscela di morfina e scopolamina. Ma fu il Pentotal a meritarsi l’appellativo di siero della verità. Il Pentotal e in generale i Sali dell’acido tiobarbiturico trovarono, infatti, il loro impiego per indurre narcosi se iniettati endovena in soluzione (5-10 milligrammi per chilo di peso). La perdita di coscienza interviene dopo 10-20 secondi, il tempo richiesto perché il farmaco arrivi al cervello. La profondità dell’anestesia è raggiunta quasi instantemente e quindi scema progressivamente fino al risveglio, che si manifesta nel giro di 5-20 minuti. L’anestesia generale da tiopentale deriva dalla soppressione del sistema reticolare attivato del tronco dell’encefalo. Tuttavia nella pratica anestesiologica si possono osservare risposte eccitatorie disinibitorie con dosi insufficienti (1-2 mg/kg) o durante la fase d’induzione e risveglio.  È quasi certo che tali risposte siano dovute principalmente alla depressione di circuiti inibitori (probabilmente di tipo GABA energetico)[xxxiv] che permette la manifestazione cosciente di ricordi, espressioni verbali o comportamentali fino a quel momento represse. È proprio questa potenzialità della sostanza che la rende interessante come “siero della verità”.

La tecnica differiva leggermente a seconda che si volesse utilizzare per l’interrogatorio del soggetto il periodo pre-narcotico o quello post-narcotico.

Volendo utilizzare il primo si somministrava lentamente una dose molto ridotta di farmaco (1-2 mg per chilogrammo di peso del soggetto) fino a ottenere il grado di sub narcosi necessario. Se si voleva utilizzare il periodo pre-narcotico s’iniettava una dose adatta a ottenere un breve sonno (5-10 mg/kg) e poi dopo un’attesa di qualche minuto s’iniziava a porre domande al soggetto.

Il periodo pre-narcotico si dimostrava in genere più utile; durante questa fase il soggetto presentava ipermnesia (95% dei casi), euforia (90%) e crisi psico-affettive (60%). Soltanto il 10% dei soggetti presentava mutismo e non poteva quindi offrire risposte utili all’esaminatore.

Durante la seconda guerra mondiale fu sperimentato nel campo di Dachau anche l’impiego di mescalina come nuovo “siero della verità” per la polizia politica tedesca. I campi di concentramento istituiti a partire dal 1933 in tutti Lander del territorio tedesco richiesero un personale di oltre 40.000 uomini, costituito oltre che dai sorveglianti, anche da un largo numero di inquisitori della Gestapo specificamente addestrati.

Le teorie sviluppate dal colonnello delle SS Theodor  Eicke, primo comandante del campo di Dachau, circa l’addestramento delle guardie, furono adottate da Himmler, comandante supremo delle SS, per tutta l’organizzazione. Lo stato di totale degradazione in cui erano tenuti i prigionieri aveva lo scopo di soggiogare completamente, umiliandole, le vittime che dal loro punto di vista rappresentavano la “feccia della società”, la “razza inferiore” da cui doveva difendersi il popolo tedesco. La base del potere assoluto esercitato dalla Gestapo in tutti i paesi occupati era data dal decreto che prendeva il nome di “Notte e nebbia”, promulgato da Hitler il 07.12.1941, secondo il quale chiunque, di qualsiasi nazionalità, fosse sospettato di attentare alla sicurezza del Reich, poteva essere internato senza processo. In seguito, il 19 marzo 1942, la commissione del Reich per l’Olanda aveva stabilito anche la possibilità per le SS di agire al di fuori di qualsiasi legge esistente e di prendere provvedimenti a carico degli imputati per limitare il crescente numero di prigionieri.

Le forze di polizia delle SS erano state ricostituite nel settembre del 1939 sotto la suprema giurisdizione dell’ufficio di sicurezza del Reich, RSHA. In questo modo era stata annullata ogni distinzione tra esecutivo del partito e l’esecutivo dello Stato. L’RSHA era divisa in vari dipartimenti: servizio segreto interno, Gestapo e servizio esterno. Tutto il personale portava le insegne delle SS sulle uniformi, con una predilezione per stivali, guanti, cappotti e occhiali neri. Questa messinscena serviva a incutere terrore. È questo un tratto caratteristico, seppure secondario, che si ritrova in molte polizie segrete, dai Tonton Macoutes di Haiti agli squadroni della morte sudamericani.

Tutti i membri di questi gruppi di azione dovevano essere trasformati in assassini insensibili, e, sebbene subissero un continuo indottrinamento teso della necessità di eliminare le razze inferiori, spesso come si ricava dalle testimonianze al processo di Norimberga di alcuni ufficiali superiori, dovevano essere “aiutati” con l’alcool o con altri sedativi e molti di loro finiscono per soffrire di gravi disturbi psichici.

Per estorcere confessioni accanto all’impiego di “sieri della verità” furono sviluppate, soprattutto da parte di molte polizie politiche tecniche speciali d’interrogatorio. Nell’URSS di frequente gli interrogatori erano condotti di notte, per approfittare della minore resistenza provocata dal sonno. Un’altra tecnica consisteva nella persuasione della “sincerità” con cui era interrogato il prigioniero convincendolo a firmare la confessione. Molto vicino alle torture fisiche era l’impiego di altri mezzi la continua stimolazione sonora e luminosa, che impediva il sonno al prigioniero e ne ostacolava i pensieri.[xxxv]

Una tecnica particolare impiegata spesso in passato dai militari inglesi nell’Irlanda del Nord per ottenere informazioni dai prigionieri, senza utilizzare sostanze psicoattive, si basava sulla deprivazione sensoriale. I militanti dell’IRA catturati erano tenuti con la testa costantemente coperta da un pesante cappuccio nero, tranne che durante gli interrogatori, e assordati da un suono. Privati di cibo e acqua per periodi prolungati erano costretti a rimanere per molte ore in una scomoda posizione in punta di piedi, con la faccia al muro, a gambe divaricate.

 

Questa tecnica produceva una forte riduzione di tutte le capacità sensitive, creando uno stato di grande ansia e a volte alterazioni profonde della coscienza dei prigionieri (molti giunsero ad avere delle allucinazioni).

 

L’impiego di sostanze psicoattive su larga scala per ridurre la capacità combattiva dell’avversario è una tecnica applicata, come tale, soltanto in anni relativamente recenti.

 

Nel XVIII secolo le tribù dei nativi del Nord America subirono gli effetti degli alcolici introdotti dai coloni in arrivo dall’Europa; l’ebbrezza causata dall’”acqua di fuoco” ebbe effetti sconvolgenti sulle abitudini e sui rituali di queste popolazioni, indebolendone la capacità di combattere.

 

I giapponesi condussero un’azione d’intossicazione in grande stile ai danni della Cina, quando, a partire dai primi anni del XX secolo, alimentarono un attivissimo commercio clandestino di morfina e di eroina.

 

Dalle iniziali cinque tonnellate introdotte in Cina dal 1900 al 1907, si giunse nel solo 1917 ad esportare clandestinamente più di diciassette tonnellate. La droga era fatta penetrare in enormi quantitativi, nel territorio del Kwangtung, attraverso la concessione di T’ien-tsin e la regione di Chingking ( cove nel 1931 esiste un centinaio di fabbriche di morfina).

 

     Nel 1937, quando l’esercito nipponico invase la Cina, la diffusione dell’uso della droga in ampie fasce della popolazione aveva diminuito considerevolmente la capacità difensiva del paese.

 

In Occidente, durante il primo conflitto mondiale, la chimica militare, che già nel secolo precedente aveva rivoluzionato l’arte della guerra con l’invenzione delle polveri infumi per le armi a retrocarica, ritornò alla ribalta con lo sviluppo degli aggressivi chimici. Il primo impiego bellico si ebbe il 22 aprile 1915 a Ypres dove i tedeschi lanciarono un violento attacco contro le linee francesi usando il cloro.

 

Negli anni del primo dopoguerra le principali nazioni imperialiste continuarono a perfezionare gli agenti chimici e le loro tecniche d’impiego.

 

L’arma chimica ebbe un progresso fondamentale negli anni ’30 quando furono preparati in Germania nuovi aggressivi ad azione selettiva. Non si trattava più di agenti con una grossolana azione sulla cute o le vie respiratorie ma di sostanze con una potente interferenza specifica sulla neurotrasmissione; era iniziata l’era dei gas nervini. Nel 1936 fu preparato il Tabun e nel 1938 il Sarin, che sono degli aggressivi estremamente letali, ancora dotazione negli arsenali degli Stati Uniti e dell’ex Unione Sovietica.

 

   Durante il secondo conflitto mondiale nessun esercito utilizzò gli aggressivi chimici, tuttavia entrambe le parti avevano consistenti riserve di gas e avvenne anche qualche incidente come quello di Bari nel dicembre 1943 dove la nave alleata John Harvey, carica della “vecchia”, ma sempre efficace iprite, fu colpita da bombardieri tedeschi; nel disastro perì un centinaio di persone e tutto rimase segreto per parecchi anni dopo la guerra.

 

Fin qui si è descritta in breve  storia degli aggressivi chimici convenzionali, vediamo adesso quelli “non convenzionali”.

 

Negli anni ’50 l’attenzione dei ricercatori militari si concentrò sullo sviluppo degli agenti psicochimici, in grado di neutralizzare il nemico senza ucciderlo, risparmiando ogni danni ai materiali.  In questi anni le armi chimiche riacquistavano quel ruolo di primo piano che avevano avuto durante il primo conflitto mondiale. Furono studiati nuovi agenti chimici in grado di alterare temporaneamente e reversibilmente la coscienza senza danneggiare il corpo.

 

La storia degli aggressivi chimici inabilitanti psichici ha origine il 19 aprile 1943, per opera del chimico svizzero Albert Hoffman. Presso il laboratorio della Sandoz di Basilea erano in corso già da cinque anni esperimenti sugli alcaloidi contenuti nella segala cornuta,[xxxvi]  quando decise di sperimentare su di sé gli effetti della dietilamide dell’acido lisergico[xxxvii] aprendo così la porta a quello che sarebbe stato chiamato il periodo della “rivoluzione psichedelica”. La sostanza nota come LSD è un derivato semisintetico, completamente inodore, insapore e incolore, della segala cornuta, prodotta dalla Clavicep purpurea,[xxxviii] un fungo che infetta i cereali. Già da molti secoli erano noti gli effetti dell’ingestione dal fungo, che davano luogo a epidemie d’intossicazione (ergotismo); uno dei sintomi più caratteristici nei soggetti colpiti era un grave disturbo della coscienza con allucinazioni.

 

Gli effetti principali dell’LSD consistono in vertigini, astenia, offuscamento della vista, distorsione della prospettiva, illusioni e allucinazioni; hanno un inizio rapido e la durata è dipendente dalla dose (la dose media necessaria per indurre modificazioni della coscienza è assai ridotta, nell’ordine di un microgrammo per ogni chilogrammo di peso, e ciò ne fa uno degli agenti farmacologici più potenti).

Da qui allo studio di possibili applicazioni militari di una sostanza così potente il passo fu breve, il padre dell’LSD, Hoffman, dichiarò di non esserne mai voluto occupare.[xxxix] A queste ricerche lavorarono però i ricercatori militari statunitensi. I primi progetti si proponevano di usare l’LSD per smascherare le spie.

 

La CIA utilizzò l’LSD nel famigerato progetto MKULTRA .

Sin dalla seconda guerra mondiale, i nazisti iniziarono a svolgere le ricerche coadiuvate dall’Istituto Medico Kaiser Wilhelm di Berlino sul controllo mentale indotto da trauma.

Grazie al Progetto Paperclip, con il quale il governo statunitense promosse la risistemazione di circa 2000 nazisti d’alto livello negli U.S.A., gli studi sulla tecnologia di programmazione del controllo mentale avanzarono rapidamente.
A partire nel secondo dopoguerra, industrie private, strutture militari, e gli apparati politici degli U.S.A. e dell’ex URSS, anno finanziato e gestiti esperimenti occulti sul controllo delle masse.
Il 1° giugno 1951, alti ufficiali dell’esercito e dei servizi segreti degli Stati Uniti, Canada e Gran Bretagna, convocarono un piccolo gruppo di psicologi a un meeting segreto all’Hotel Ritz-Carlon di Montreal, per discutere le “tecniche comuniste di controllo del pensiero”. I ricercatori occidentali erano convinti che il successo comunista dovesse essere il frutto di alcune misteriose e sensazionali scoperte scientifiche. Fu così che nel successivo mese di settembre, gli scienziati americani, pianificarono un programma top segret sulla modificazione del comportamento umano: MKULTRA.

Il progetto MKULTRA si trattava di tutta una serie d’attività svolte dalla CIA che avevano come scopo quello influenzare e controllare il comportamento delle persone (controllo mentale).
Uno degli scopi del progetto fu di modificare il livello di percezione della realtà di alcune persone, costringendole a compiere atti senza rendersene conto; un altro degli scopi del progetto era di creare degli assassini inconsapevoli (candidati Manciuriani).
Nel 1977, grazie alla legge sulla libertà d’informazione, furono derubricati alcuni documenti che testimoniavano la partecipazione della CIA al programma.
Il progetto fu portato all’attenzione dell’opinione pubblica per la prima volta dal Congresso degli Stati Uniti e da una commissione chiamata Rockefeller Commission.

Tale commissione pubblicò un documento che diceva: “Il direttore della CIA ha rilevato che oltre 30 tra università sono coinvolte in un programma intensivo di test che prevede l’uso di droghe su cittadini non consenzienti appartenenti a tutti i livelli sociali, alti e bassi, nativi americani e stranieri. Molti di questi test prevedono la somministrazione di LSD. Almeno una morte, quella del Dr. Olson, è attribuibile a queste attività”.
Il progetto MKULTRA fu ordinato dal direttore della CIA Allen Dulles il 13 aprile 1953, nel 1964 fu rinominato MKSEARCH poiché stava specializzando nella creazione del cosiddetto siero della verità, sostanza che sarebbe poi usata per interrogare gli appartenenti del KGB. Dato che quasi tutti i documenti riguardanti l’MKULTRA sono stati distrutti è in pratica impossibile poter ricostruire tutte le attività svolte nell’ambito di questo progetto.
I documenti recuperati fanno presupporre, con sufficiente margine di certezza, che la CIA abbia usato radiazioni e LSD al fine di controllare le menti delle cavie. Le vittime erano dipendenti della CIA, personale militare, agenti governativi, prostitute, pazienti con disturbi mentali e gente comune; in tutto con lo scopo di verificare che tipo di reazione avessero queste persone sotto l’influsso di droghe e altre sostanze.
Il Dottor Sydney Gotlieb, l’ideatore di tutti gli esperimenti, era solito anche torturare le vittime aggiungendo alla normale dose di droga anche rumore molesti o costringendoli ad ascoltare frasi offensive.

Ormai è noto che dalla fine della seconda guerra mondiale negli U.S.A., la Commissione per l’Energia Atomica, il Dipartimento della Difesa, le Forze Armate, la CIA e le altre agenzie si sono serviti di detenuti, tossicodipendenti, pazienti psichiatrici, studenti di college, militari e gente comune, in una serie impressionante di esperimenti per valutare gli effetti delle radiazioni, dell’LSD e del gas nervino, fino a l’applicazione di violenti shock elettrici e prolungati “stati di deprivazione sensoriale”. Solo poche, di queste persone, sapevano a cosa andavano incontro; la maggioranza ne era totalmente inconsapevole e non immaginava neppure di far parte di un esperimento.
In seguito il programma MKULTRA diventerà noto, per i suoi studi pionieristici sull’LSD, spesso condotti su detenuti o frequentatori di bordelli organizzati e gestiti dalla CIA. Gli esperimenti nei bordelli, noti come Operation Midnight Climax, prevedevano l’uso di specchi semitrasparente che permettevano agli agenti di osservare gli effetti dell’LSD sul comportamento sessuale. Ironia della sorte, nell’ambito del programma di tanto in tanto i funzionari governativi aggiungevano LSD ai drink dei colleghi e uno dei risultati sarà il suicidio per psicosi del dottor Frank Olson.
In udienza del 1977, l’allora direttore della CIA Stanfield Turner disse di aver costatato l’uso di sperimentazioni deprecabili e promise che la CIA stessa avrebbe fatto tutto il possibile per rintracciare e informare le persone, una ad una, utilizzate negli esperimenti. La verità è che memorandum interni e deposizioni rese da agenti della CIA in un processo contro l’agenzia hanno rilevato che delle centinaia di “soggetti da esperimento” usati nel programma CIA di controllo della mente, solo 14 furono informate e solo uno fu risarcito. A queste 14 persone, a loro insaputa, era stato somministrato LSD dagli agenti della CIA, nel novero di test sugli effetti di questa droga in uno scenario “realisticamente operativo”.
Negli anni ’50 Cameron ,[xl] aveva sviluppato un metodo per trattare gli psicotici utilizzando quello che chiamava “rimodellamento” e “ricondizionamento psichica”. Cameron richiese alla Society for the investigation of Human Ecology (un ente di copertura della CIA creato per supportare la ricerca sul controllo del comportamento) l’approvazione di una procedura consistente nella distruzione di modelli continuativi del comportamento dei pazienti per mezzo di elettrochock particolarmente intensi (rimodellamento) e, in alcuni casi, con massicce dosi di LSD. Il trattamento prevedeva sedute consistenti nell’ascolto forzato (16 ore al giorno per sei o sette giorni) di messaggi registrati, mentre il paziente era tenuto in parziale isolamento sensoriale. Nella sua petizione, Cameron, proponeva di provare un varietà di droghe, incluso il curaro da paralisi, come parte di una nuova tecnica di “disattivazione del paziente”.
La CIA attraverso l’Human Ecology Society fornì una sovvenzione di 60.000 dollari. Nove pazienti ricoverati per cure antidepressive, alcolismo e altri problemi c/o Memorial Institute intentarono una causa contro la CIA nel 1979. Una paziente, Rita Zimmerman, fu “rimodellata” con 30 sedute di elettroshock, seguite da 56 giorni di sonno indotto da droghe, il che sfociò in una sindrome da incontinenza. Altri soggetti invece, subirono danni permanenti al cervello, persero il lavoro o in ogni caso la loro salute peggiorò.

Indicativo è il caso di L. Gamble ufficiale dell’aeronautica statunitense, nel 1957 volontariamente prese parte a un test dell’Army Chemical Warfare Laboratories (i lavoratori militari). Era stato informato che avrebbe provato maschere antigas e dispositivi di protezione. Invece, come poi apprese nel 1975, a lui e ad altri 1000 soldati era stato amministrato l’LSD. Gamble cominciò ad accusare perdite di memoria, periodi di grande depressione, ansia e comportamento violento. Tentò il suicidio nel 1960, perse il suo nullaosta di sicurezza top-secret e si congedò anticipatamente nel 1968.
Quando poi venne a sapere che aveva ingerito LSD, chiese di essere risarcito. Il Dipartimento della Giustizia rifiutò la sua richiesta perché non pervenuta in tempo utile, l’Amministrazione dei Veterani gli negò i contributi d’invalidità, perché l’uomo non presentava segni d’invalidità permanente.
Il governo USA addusse diverse motivazioni per giustificare gli esperimenti, da progetti tesi al discredito di politici stranieri, all’addestramento di speciale personale militare. Le forze armate hanno esposto 3000 soldati al BZ, un potente allucinogeno allora sviluppato come arma chimica, una droga che attacca il sistema nervoso, causa vertigini vomito e paralisi.
I primi esperimenti sul controllo del comportamento facevano parte di un progetto della Marina del 1947, chiamato Operation Chatter per individuare e testare “i sieri della verità”, simili a quelli usati nell’U.R.S.S. per interrogare le spie. Tra i farmaci provati su soggetti umani, la mescalina e la scopolamina, un depressore del sistema nervoso centrale. Nel 1951 questo progetto fu rinominato Artichoke con l’avvio di esperimenti medici su soggetti umani per provare su soggetti umani l’efficacia di LSD, il pentotal e l’ipnosi negli interrogatori.
In uno studio realizzato nel 1952 dalla commissione governativa Psychological Strategy Board. Si predispose un programma di ricerca sul controllo del comportamento. Gli esperti, dopo avere definito il lavaggio del cervello adoperato dai comunisti “una serie minaccia alla specie umana”, sollecitarono l’impiego droghe e shock elettrici negli studi clinici da condurre in condizioni di segretezza. Nello studio si discuteva persino il potenziale di lobotomia arguendo che “se fosse stato possibile sperimentarla sui membri del Politburo, la Russia non sarebbe stata più un problema”, nonostante vi si sottolineasse che le cicatrici chirurgiche rendessero il suo impiego proibitivo.
Nel 1955, le Forze Armate promossero una ricerca alla Tulane Aniversity attraverso la quale nel cervello di individui affetti da turbe psichiche furono introdotti elettrodi per misurare gli effetti di droghe psichedeliche. In altri esperimenti, dei volontari furono tenuti in camere di deprivazione sensoriale per almeno 130 ore, bombardati con rumori di fondo e messaggi subliminali fino all’insorgere in loro dei primi sintomi allucinatori. Tutto questo aveva l’obiettivo di “riconvertire” gli individui sottoposti a questo trattamento.

In un libro di Franco Fracassi L’INTERNAZIONALE NERA[xli] si parla della Colonia Dignidad, una località che si trova va 340 Km a sud di Santiago del Cile, che era un centro di smistamento logistico dei nazisti in fuga nel secondo dopoguerra, ma soprattutto un centro di addestramento di forze militari e paramilitari anticomuniste. Ebbene si afferma in questa colonia “ si tennero anche esperimenti di uno dei programmi più tristemente famosi portati avanti dalla Cia fino all’inizio degli anni Settanta: MKULTRA. Lavaggio del cervello, controllo dell’essere umano attraverso l’ipnosi e le droghe. In questo pezzo di Baviera ai piedi delle Ande persero vita, o la ragione, centinaia di soldati statunitensi usati come cavie per MKULTRA”.[xlii]

Tutto questo nasce dalla collaborazione che si creò dalla fine della seconda guerra mondiale tra nazisti e potenze imperialiste occidentali contro quello che il comune nemico: il comunismo. Gehlen uno dei capi sei dei servizi segreti nazisti ha raccontato nelle sue memorie, come Allen Dulles cercò di agganciarlo in tutti i modi: “Alla fine di dicembre 1944 i colloqui arrivarono a buon fine. Ricordo bene i termini dell’accordo con l’Oss. Che un servizio segreto clandestino tedesco potesse continuare ad esistere e raccogliere informazioni nell’Est, come aveva fatto fino ad allora. La base dei nostri comuni interessi era la difesa contro il comunismo. Che questa organizzazione non avrebbe lavorato per o sotto gli americani, ma insieme agli americani. Che l’organizzazione sarebbe stata finanziata dagli Stati Uniti. Che i servizi americani si sarebbero impegnati ad aiutare chiunque fosse stato proposto dall’organizzazione come un soggetto in pericolo”.[xliii]

Si è venuto a saper agli inizi degli anni ’90 che anche l’esercito britannico negli anni ’70 condusse esperimenti sui propri militari.[xliv]

Secondo la celebre e abusata definizione di Karl von Clausewitz la guerra non sarebbe che “il proseguimento della politica con altri mezzi”.[xlv]

Nell’ambito dei mezzi di controllo politico dell’avversario e degli oppositori interni si distinguono fra le attività di guerra psicologica quelle di propaganda, destinate al tempo di pace e quelle di guerra psicologica propriamente detta, tipica del tempo di guerra.

Le operazioni psicologiche o manovre psicologiche (in inglese PSYOPS Psychological operations) sono un metodo utilizzato dalle istituzioni militari definibile come un complesso di attività psicologiche messe in atto mediante l’uso programmato delle comunicazioni, pianificate in tempo di pace, di crisi e di guerra, dirette verso gruppi o obiettivi “amici”, neutrali o nemici (governi, organizzazioni, gruppi o individui) al fine di influenzarne i comportamenti che incidono sul conseguimento di obiettivi politici e militari.

C’è una versione che afferma che L’arte della guerra, sarebbe il frutto di un lavoro collettivo di un gruppo di generali che circa 2300 anni fa sintetizzarono per iscritto l’esperienza collettiva, ereditata da antiche tradizioni orali.[xlvi] Sun Tzu mostra che la guerra è uno degli strumenti a disposizione del potere politico per conseguire i suoi fini, ma è anche un mezzo politico-militare particolarmente delicato poiché dal suo uso dipende la salvezza o meno dello Stato: risulta chiaro la subordinazione della guerra alla sfera politica e la preoccupazione per la conservazione – riproduzione del potere, Sun Tzu anticipa a più di due millenni la famosa definizione di Clausewitz sulla guerra come prosecuzione della politica con altri mezzi. Perciò nel quadro della centralità dell’obiettivo politico rispetto al mezzo bellico che Sun Tzu dice: “Perciò, combattere e vincere cento battaglie non è prova di suprema eccellenza: la suprema abilità consiste nel piegare la resistenza (volontà) del nemico senza combattere[xlvii] il principio noto come strategia indiretta: la suprema abilità consiste nel giungere nelle migliori condizioni possibili, costringendo l’avversario nelle peggiori condizioni.

E in quest’ambito che si muove la guerra psicologica.

Le scienze delle comunicazioni, il cui sviluppo è stato pilotato dalla CIA a partire dagli anni ’50, hanno costituito uno strumento essenziale della guerra psicologica condotta contro il movimento comunista, i paesi socialisti e tutti quei paesi che resistevano al dominio U.S.A.

Gli specialisti del comportamento hanno contribuito a raccogliere informazioni sugli avversari dell’imperialismo U.S.A., a elaborare la propaganda, a prevenire i movimenti di liberazione fino a consigliare gli esperti della tortura.

   Quest’alleanza fra mondo scientifico e quello politico è tuttora operante in tutti i paesi imperialisti.

In un documento dell’esercito degli Stati Uniti redatto nel 1948, riprendendo Sun Tzu definisce così la guerra psicologica: “Questa impiega mezzi fisici o etici, oltre alle tecniche militari ortodosse, tendenti a:

A –  Distruggere la volontà e la capacità di combattere del nemico. 

B –   Privarlo del sostegno dei suoi alleati.

C –  Accrescere in seno alle nostre truppe e in quello dei nostri alleati la volontà di vincere.

   La guerra psicologica impiega qualsiasi arma in grado di influenzare la volontà del nemico. Le armi sono psicologiche solamente per l’effetto che producono e non in ragione della natura delle armi stesse. Quindi, in un quadro di guerra psicologica, la propaganda palese (bianca), segreta (nera), o grigia – sovversione, sabotaggio, operazioni speciali, guerriglia spionaggio, pressioni politiche, culturali, economiche e razziali – sono considerate armi utilizzabili

  Per realizzare questo programma che i servizi segreti reclutano nelle università gli specialisti di scienze del comportamento”.

Il progetto Troy consisteva nel mobilitare ricercatori per definire i differenti mezzi disponibili per diffondere la propaganda statunitense dietro la Cortina di Ferro.      L’obiettivo era di rinforzare il dispositivo Voce dell’America, una rete di radiodiffusioni creata dal Servizio Informazioni Internazionale un organismo messo in piedi da Truman. La Voce dell’America era un’operazione di propaganda bianca, palese; il suo ruolo era di fare promozione dell’imperialismo U.S.A., mentre il progetto Troy era propaganda nera.

Inizialmente il progetto Troy doveva essere centrato sulle radiodiffusioni e su lanci di volantini con palloni sonda.

Nell’ambito questo progetto, s’istituì lo Psychological Strategy Board (Commissione per le Strategie Psicologiche), che aveva lo scopo di studiare la società sovietica con un programma di colloqui e relazioni con i dissidenti e si creò nel MIT (Massachusetts Institute of Technology) il dipartimento CENIS (Centro per gli studi internazionali).[xlviii]  Il progetto Camelot consisteva, negli anni sessanta, nel produrre modelli di contrasto dei processi nazionali rivoluzionari nei paesi del Terzo Mondo. Camelot rappresentava l’intensificazione delle relazioni delle relazioni tra i comportamentisti[xlix] e i servizi segreti. Lanciato nel 1963, il piano era destinato a facilitare gli interventi nello Yemen, a Cuba e nel Congo belga. In Cile il piano Camelot fu messo in atto attraverso l’intermediazione dell’Organizzazione per la Ricerca sulle Operazioni Speciali (SORO).

Nel 1937, De Witt, dell’Università di Princeton, crea la rivista Pubblic Opinion Quarterly (POQ), pubblicò articoli sulla guerra psicologica. Il consiglio di amministrazione della rivista si compose dopo la seconda guerra mondiale di specialisti che partecipano al progetto psicologico della CIA.

Lo studio dei sistemi di comunicazione dei paesi del campo socialista o che potrebbero essere conquistati dai comunisti permette di raccogliere informazioni che gli strateghi delle forze terrestri possono utilizzare lo stesso, valgono per le indicazioni sulle modalità di diffusione della propaganda bianca e i metodi neri di diffusione del terrore. Le scienze della comunicazione di massa, concepite come strumenti di vigilanza e di coercizione, hanno di conseguenza una vocazione puramente manipolatrice. Molti degli specialisti della “manipolazione di massa” sono frequentemente dei marxisti pentiti.

I media occidentali (seguiti dalla varia forza politica di destra, centro, sinistra ed estrema sinistra) hanno spacciato i colpi di Stato in Serbia (2000), Georgia (2003), Ucraina (2004) come rivoluzioni. Lo fanno per ingannare la gente. Il problema è che questa interpretazione si è associata molta estrema sinistra che si considera “rivoluzionaria”.

 

Per chiarirsi, questi cosiddetti “rivoluzionari” col parlare di masse e apparati in modo astratto nascondono la natura della rivoluzione se democratica borghese o socialista, non dicono quale classe sta dirigendo rivoluzione.

Una delle caratteristiche di queste cosiddette “rivoluzioni” è l’uso dei media.

Il controllo dei media è importante per il capovolgimento di un regime. I media costruiscono una realtà virtuale, il controllo di questa realtà è uno strumento di potere, perciò non è un caso che dopo colpo di Stato classici, la prima cosa che s’impadronivano i golpisti era la radio.

C’è una ripugnanza da parte di molte persone affiorare l’idea che gli avvenienti politici siano deliberatamente manipolati.

L’ideologia di questi manipolatori ha origine da una certa impostazione di Freud sugli impulsi istintuali. Freud riteneva che giacché l’organizzazione sociale per esistere debba piegare e utilizzare gli istinti erotici (e distruttori) del singolo, il prezzo della civiltà è la repressione e il suo disagio è la nevrosi.

Questa tesi fu esposta nella prima forma in Totem e Tabù, strettamente legata alla difesa dell’autorità come personificazione dell’esigenza repressiva. Un decennio più tardi, in Psicologia delle masse e analisi dell’Io, Freud insisteva nuovamente sull’importanza dei moventi irrazionali che legano le masse all’autorità “paterna” dei capi e riprendeva il tema della derivazione delle forme societarie più vaste dal nucleo patricentrico naturale della famiglia. (Con questo libro era teorizzata in forma compiuta la riduzione della politica a inganni dell’inconscio e nasceva una concezione scettica, psicologizzante e antipolitica dei rapporti sociali che avrà in seguito, fertili risultati: si pensi come, con una coscienza ben maggiore dei propri fini, la scienza psico-sociale americana ha riscoperto che voltando la politica in psicologia si riesce a far sì che tutte le vacche diventino nere).

Le diversificazioni delle informazioni derivata dai media, è pura apparenza, nasconde un’estrema povertà delle fonti originali. Le informazioni sugli avvenimenti provengono spesso da un’unica fonte, di solito da un’agenzia di stampa, e anche coloro deputati alla diffusione delle informazioni come la BBC, si accontentano di riciclare le informazioni ricevute da queste agenzie, presentandole come farina del loro sacco.

I corrispondenti della BBC spesso stanno nelle loro camere di albergo quando spediscono i loro dispacci, leggendo per gli studi di Londra le informazioni che sono state loro trasmesse da colleghi in Inghilterra, che a loro volta le hanno ricevute da agenzie di stampa.

Un altro aspetto che spiega la ripugnanza a credere alla manipolazione dei media è legato al sentimento di onniscienza che la nostra epoca di mezzi di comunicazione di massa ama assecondare: criticare le informazioni della stampa è come dire alle persone che sono credulone, e questo messaggio non è gradevole da ricevere.

Il primo teorico importante in questa materia è stato il nipote di Freud, Edward Bernays, che scriveva nella sua opera Propaganda, apparsa nel 1928, come fosse del tutto naturale e giustificato che i governi plasmassero l’opinione pubblica per fini politici.[l]

Il primo capitolo porta il titolo rivelatore: Organizzare il caos.

Per Bernays, la manipolazione consapevole e intelligente delle opinioni e delle abitudini delle masse è un elemento importante delle società democratiche. Coloro che manipolano i meccanismi segreti della società costituiscono un governo invisibile, che rappresenta il potere effettivo. Noi siamo etereodiretti, i nostri pensieri sono condizionati, i nostri gusti sono costruiti ad arte, le nostre idee sono suggerite essenzialmente da uomini di cui non abbiamo mai inteso a parlare. È la conseguenza logica della maniera in cui la nostra società “democratica” è strutturata.

Un gran numero di esseri umani deve cooperare per vivere insieme in una società che funzioni bene. In quasi tutti gli atti della nostra vita quotidiana, che si tratti della sfera politica, di affari, dei nostri comportamenti sociali o delle nostre concezioni etiche, noi siamo dominati da un numero relativamente ridotto da persone che conoscono i processi mentali e le caratteristiche sociali delle masse. Sono queste persone che controllano l’opinione pubblica.

Per Bernays, molto spesso questi membri del governo invisibile non conoscono essi stessi chi sono gli altri membri. La propaganda è il solo mezzo per impedire all’opinione pubblica di sprofondare nel caos.

Bernays ha continuato a lavorare su quest’argomento dopo la guerra e nel 1947 ha pubblicato La costruzione del consenso, titolo al quale Edward Herman e Noam Chomsky hanno fatto riferimento quando pubblicato la loro opera La fabbrica del consenso.[li]

Il rapporto con Freud è decisivo perché la psicologia è uno strumento capitale per influenzare l’opinione pubblica.

Secondo Fleischmann e Howard Cutler (che avevano collaborato con la La fabbrica del consenso), ogni leader politico deve fare appello alle emozioni umane primarie al fine di manipolare le opinioni.

L’istinto di conservazione, l’ambizione, l’orgoglio, la bramosia, l’amore per la famiglia e per i bambini, il patriottismo, lo spirito di imitazione, il desiderio di comando, il gusto dell’azione, così come per altri bisogni, sono le materie psicologiche che ciascun leader deve prendere in considerazione nei suoi tentativi per conquistare l’opinione pubblica alle sue idee.

 

La rapidissima evoluzione tecnologica degli ultimi anni del secondo millennio ha sviluppato ulteriormente le tecniche di guerra psicologica che viene definita anche guerra incruenta. Lo sviluppo delle tecnologie di comunicazione e d’informazione, assieme alla nascita del cyberspazio,[lii] pone come centrale da parte degli Stati e degli altri organismi politici, economici e militari, per raggiungere gli obiettivi politici, economici, militari e culturali che si prefiggono, il possesso delle informazioni, come nel passato era il controllo del traffico commerciale e quello delle risorse materiali e prima ancora era quello delle capacità produttive agricole. In sostanza si passa da un mondo nel quale uno dei compiti delle forze armate era la capacità di annientare anniversario attraverso la forza fisica (caratteristica che tuttora rimane) attraverso un’adeguata forza fisica, con la spada o con le bombe nucleari, a uno dove la forza è data dalla creatività, dalla spregiudicatezza intellettuale. Cambia il modo di fare la guerra.  La prospettiva è che le battaglie saranno combattute anche nei campi di battaglia virtuali. Perciò, in questo, si tratta di ridefinire anche il concetto di spazio vitale per la battaglia che non corrisponde più solamente a uno spazio fisico, come non è più identificabile con una disponibilità di risorse naturali quali le fonti d’energia, le miniere di ferro e carbone o i campi di grano.

   Oggi lo spazio vitale è quello in cui un Paese o meglio i suoi capitalisti riesce ad agire e competere con successo. Una delle conseguenze della crisi attuale è lo scatenamento di una lotta senza quartiere fra i capitalisti per decidere quale porzione di capitale debba fare le spese della crisi e sparire dal mercato. Tutto ciò accentua i contrasti tra i vari gruppi imperialisti e di conseguenza fra gli Stati. Questa competizione diventa un terreno per costruire l’identità nazionale (della serie “siamo tutti nella stessa barca”, “bisogna essere competitivi per salvare la ‘nostra economia” ecc.). Questo comporta un riesame sia delle dottrine militari sia delle istituzioni dello Stato (non è un caso che una delle tendenze di fondo in tutti i paesi imperialisti è il rafforzamento degli esecutivi e lo svuotamento delle assemblee legislative).

L’ambito attuale è che spesso gli interventi militari si trovano ad agire sotto l’occhio attento delle telecamere di tutto il mondo (pensiamo a cosa vuol dire la repressione in Birmania o le proteste per il Tibet), in operazioni che vedono la presenza contemporanea oltre che di militari, dei civili delle ONG e degli agenti che operano nei servizi segreti. Perciò si tratta da parte dei vari paesi imperialisti di coordinare efficacemente tutti questi soggetti. Già gli U.S.A. hanno già da alcuni anni previsto la possibilità d’avere azioni militari incruente nell’ambito delle operazioni definite con la sigla OOTW (Operations Other Than War) operazioni diverse dalla guerra. In sostanza le nuove guerre saranno combattute prima dell’avvio d’eventuali azioni militari tradizionali, in stretto coordinamento con tutte le varie branche della Pubblica Amministrazione e di varie organizzazioni civili (ONG,[liii] Protezione Civile ecc.). In questo quadro, è importante la creazione di un centro unico di comando in grado di operare velocemente in un vasto ventaglio di situazioni che possono andare dalle cosiddette operazioni “umanitarie” ai confronti con armi nucleari.

Poiché l’attuale sistema a rete è tremendamente complesso e in esso circolano i flussi economici, politici e militari che regolano il mondo. Se s’interviene su un elemento una componente s’innesta un ciclo di azioni e reazioni, con feedback positivi e negativi che è molto difficile valutare quantitativamente.

In sostanza la guerra del futuro come si diceva prima non consisterà più solamente nell’utilizzo di mezzi che coinvolgono la forza degli armamenti per costringere il nemico ad accettare la propria volontà ma consisterà nell’usare tutti i mezzi possibili per obbligare il nemico a servire i propri interessi.
Da tempo la tendenza per arrivare alla vittoria nelle guerre attuali (e future) è la combinazione dei metodi operativi che si usano e che possono variare, ha secondo degli scopi che si vogliono raggiungere. I metodi da combinare possono essere militari, trans-militari (guerra diplomatica, guerra di network, guerra di intelligence, guerra psicologica, guerra tattica, guerra di contrabbando, guerra di droga, guerra di droga, guerra virtuale di deterrenza), oppure non militari (guerra finanziaria, guerra commerciale, guerra di risorse, guerra di aiuto economico, guerra di sanzioni, guerra mediatica, guerra ideologica).
Ad esempio la cosiddetta “guerra al terrorismo” lanciata da Bush dopo l’11 settembre è una combinazione di guerra d’intelligence + guerra finanziaria + guerra di network + guerra ideologica + altri tipi di conflitti.

I conflitti contemporanei sono dei grandi contenitori e la vittoria è che tutto ciò che si può mettere in questo contenitore.

 

Nel libro La CIA e la Guerra fredda culturale si spiega in maniera molto dettagliata come, all‘inizio della cosiddetta Guerra fredda, gli statunitensi e i britannici dettero inizio a un‘importante operazione clandestina destinata a finanziare intellettuali anticomunisti.

L‘elemento fondamentale è che la CIA si concentrò la sua attenzione su alcune personalità della sinistra soprattutto su trotzkisti. Un gran numero di queste persone divennero in seguito neoconservatori di primo piano: Irving Kristol, Sidney Hook e Lionel Trilling.

Le origini di sinistra, e specificamente trotskiste, mantengono una relazione particolare con le operazioni clandestine, poiché le operazioni della CIA erano di influenzare gli oppositori di sinistra al comunismo, vale a dire i trotskisti. Molto semplicemente, l‘idea della CIA era che gli anticomunisti di destra non avevano alcun bisogno di essere influenzati.

Scriveva a proposito Saunders: “L‘obiettivo di sostenere gruppi di sinistra, non era né di distruggere né di dominare questi gruppi, a piuttosto di mantenere con loro una discreta prossimità e di dirigere il loro pensiero, di procurare loro un modo di liberarsi dalle loro inibizioni inconsce e, al limite, di opporsi alle loro azioni nel caso in cui fossero diventati eccessivamente …radicali“.

Le modalità attraverso cui questa influenza di sinistra fece sentire i propri effetti furono molteplici e variegate.

Gli Stati Uniti erano decisi a fornire di se stessi un‘immagine progressista che contrastava con quella di Unione Sovietica “reazionaria“.

Ad esempio negli ambienti musicali statunitensi, Nicolas Nabokov (il cugino dell‘autore di Lolita) era uno dei principali esponenti del Congresso per la libertà della Cultura.

Nel 1954, la CIA aveva finanziato un festival della musica a Roma nel corso del quale l‘amore autoritario di Stalin per compositori russi come Rimski-Korsakov e Tchaikovski era contrastato dalla musica moderna non ortodossa ispirata dal dodecafonismo di Schoenerbert. Per Nabokov, promuovere una musica che eliminava in modo eclatante le gerarchie naturali, era lanciare un chiaro messaggio politico.

Un altro “progressista“, il pittore Jackson Pollock, ex comunista, fu allo stesso modo sostenuto dalla CIA. I suoi imbrattamenti erano considerati come la rappresentazione dell‘ideologia americana di libertà contrapposta all‘autoritarismo del realismo socialista.[liv]

Questa commissione fra cultura e politica fu incoraggiata apertamente da un organismo della CIA che portava un nome molto orwelliano, l‘Ufficio di Strategia Psicologica (PSB).

Nel 1956, quest’organizzazione sostenne una tournée europea della Metropolitan Opera (Met) che aveva lo scopo politico di incoraggiare il multiculturalismo.

 

 

 

Stress da battaglia, e la “pillola del coraggio”

 

 

Nel dopoguerra l’uso di sostanze psicoattive da parte dei militari si ripeté quasi in ogni conflitto; particolarmente diffuso fu l’impiego di anfetamine in Corea da parte delle truppe statunitensi.

Il problema esplose in tutta la sua gravità durante la guerra del Vietnam che in molti aspetti rappresentò un fenomeno unico e uno spartiacque con le epoche precedenti. Gli Stati Uniti avevano combattuto altre guerre “difficili” ma non era mai accaduta una situazione in cui durante il conflitto ci fosse un divario netto fra l’opinione pubblica (che era per la maggioranza indifferente se non ostile) e la politica del governo. Inoltre la condotta della guerra fu completamente diversa dai conflitti precedenti con l’alternarsi di brevi periodi di combattimento con pause di tranquillità nelle città del Sud Vietnam. Forse il singolo aspetto più importante era la regola del tour predeterminato di dodici mesi in zona di operazioni. I soldati di leva in Vietnam sapevano che dovevano sopravvivere per questo periodo limitato e poi avrebbero avuto diritto al rimpatrio. Mancava il senso di disperazione dei conflitti precedenti in cui le uniche vie di uscite sul fronte erano la morte o il ferimento.

La guerra del Vietnam vide il fallimento della tradizionale strategia bellica che aveva guidato fino allora gli USA. La strategia di annichilazione, che aveva portato al successo nella seconda guerra mondiale, partiva dal fatto che avendo gli Stati Uniti a disposizione risorse naturali ed economiche in apparenza senza limiti, i militari statunitensi non sarebbero mai stati parsimoniosi sui messi materiali utilizzati, e avrebbero sviluppato la “guerra di annichilazione”, basata sulla superiorità soverchiante della potenza di fuoco. Si riprodusse sul piano militare ciò che avvenne in tutti i settori dell’economia americana: il risparmio di energia e di mezzi furono considerati secondari.

Il metodo della guerra di annichilimento fu messo a punto dal generale nordista U. Grant durante la Guerra Civile (1861-1865). Invece di seguire la strategia napoleonica della battaglia decisiva, Grant sviluppò il concetto di una successione di mazzate da sferrare con una soverchiante potenza di fuoco contro l’esercito sudista allo scopo di disgregarlo. La realizzazione di questa strategia fu possibile per la soverchiante superiorità industriale del Nord. Grant non si preoccupò dei costi politici di questa strategia (difficoltà di riconciliazione postbellica con lo sconfitto). Poiché un esercito è sostenuto dalla sua economia e dalla sua popolazione, il passaggio dall’idea dell’annientamento di un esercito a quello del suo retroterra civile è naturale. Questo secondo aspetto della guerra di annientamento fu applicato dal generale Sherman, il secondo per importanza dopo Grant, il quale diede il suo consenso a colpire e terrorizzare la popolazione civile del Sud.

Nel Vietnam questa strategia, contro la guerriglia, non funzionò. In una guerra convenzionale conta la potenza di fuoco contro le postazioni avversarie, ma una guerriglia non è condotta da posizioni fisse, e la potenza di fuoco significa colpire la popolazione, inimicandosela, alimentando in tal modo il reclutamento dei guerriglieri. Una guerra convenzionale è per il controllo del territorio, una guerriglia è per il controllo della popolazione. In Vietnam la guerriglia colpiva i funzionari di governo: colpiva sia i corrotti per avere la simpatia della popolazione, che i migliori per impedire il funzionamento del governo. Entro il 1960 ben 2.500 funzionari del governo sudvietnamita erano uccisi ogni anno. Alla fine accettavano il rischio di servire il governo di Saigon solo avventurieri corrotti. Ciò accresceva lo scollamento tra governo e popolazione.

L’esito del conflitto vietnamita fu determinato non tanto dalla semplice forza delle armi (su questo campo era indubbia la superiorità degli USA) o dalle operazioni militari, ma dall’atteggiamento delle masse popolari vietnamite, del campo civile insomma, insieme a un appoggio al Nord Vietnam dell’URSS e della Cina. In altre parole l’uomo e il suo vigore psichico furono (e lo sono tuttora dal mio punto di vista) più importanti dei materiali bellici che s’impiegarono.

A nulla servì da parte delle forze armate USA l’impiego contro la guerriglia da parte dell’esercito americano delle forze speciali. Il generale nordvietnamita Nguyen Van Vinh riteneva nel 1966 di poter costatare il fallimento di queste forze speciali americane: “La special warfare americana nel Vietnam del Sud è sostanzialmente fallita dopo essere stata sperimentata per più di tre anni con strategie e tattiche diverse con nuove armi e nuove tecniche, accompagnate da metodi estremamente crudeli: i loro principali sostegni, le truppe e l’amministrazione del governo fantoccio, sono anch’essi in decadenza; il sistema dei “villaggi strategici”, ch’essi consideravano la loro spina dorsale, è stato in sostanza distrutto; la tattica degli elicotteri e dei mezzi anfibi, che erano stati considerati più agili e più facilmente manovrabili, è stata un fiasco solenne; le città considerati dagli aggressori come le loro più sicure retrovie, sono accerchiate, notevolmente ridotte in estensione, e davanti all’incessante lotta politica e nelle campagne da milioni di uomini del popolo si trovano in pieno scompiglio; il carattere neocolonialista dell’imperialismo USA è stato smascherato agli occhi di tutto il popolo sudvietnamita, e per compiere atti di sabotaggio nel Vietnam del Nord mediante commandos di truppe del sud, sono miseramente falliti”.[lv] In sostanza il successo delle forze speciali antiguerriglia era essenzialmente legata dall’appoggio che avrebbero ottenuto delle masse della popolazione vietnamita, ciò che non avvenne.

Con il perdurare del conflitto il morale e la disciplina crollarono con numerosi episodi di ammutinamento di interi reparti, mentre negli Stati Uniti gli studenti dei campus universitari contestavano in maniera sempre più violenta e organizzata.

A partire del 1967, uno dei motivi di allargamento della contestazione fu un progetto di modifica del sistema di reclutamento, che minacciava di coinvolgere gli studenti che ottengono scarsi risultati universitari. Molti giovani spediscono indietro i documenti militari, 20.000 lascia il paese soprattutto alla volta del Canada (mentre i militari americani di stanza in Europa trovarono rifugio in Svezia e in numerosi altri paesi). Tra il primo luglio 1968 e il 30 giugno 1969 sono registrati 27.444 casi di diserzione.

I casi di diserzione passarono dal 15 per mille del 1966 al 74 per mille del 1971.

Durante l’invasione della Cambogia nell’aprile 1970 alcune grandi unità dell’U.S. Army come la Quarta divisione di fanteria entrò in crisi un minimo di resistenza da parte del nemico, con ammutinamento di interi reparti e la paralisi operativa e il peso delle operazioni fu spostato sempre di più sulle forze aree, composte largamente da personale di carriera e con una struttura con maggiori percentuali di ufficiali.

Grabriel Kolko nel maggio del 1969 nel rapporto compreso nel volume Il Vietnam in America pubblicato in italiano dalla casa editrice Editori Riuniti: “Nella storia delle guerre combattute dagli americani mai il morale delle truppe è stato così basso come nel Vietnam. Questo fenomeno – che costituì uno dei più grossi problemi per gli americani in Corea – pone anche oggi problemi che il Pentagono si dimostra sempre più incapace di risolvere”.

Si potrebbe, senza essere accusato di fare forzature, che una gran parte dell’Esercito statunitense era sulla via della disgregazione. Uno dei motivi di ciò, stava nel fatto che a differenza della seconda guerra mondiale, una gran parte dei soldati non credeva nella causa per cui combatteva. Nonostante la propaganda che dipingeva la guerra del Vietnam come una guerra giusta per un mondo migliore, non ci volle molto per i soldati a capire che le cose non stavano così.

Nel 1973 con l’abolizione della leva, il nuovo esercito statunitense consisteva in soldati di bassa qualità delusi ed equipaggiati con armi obsolete. La cultura della droga e l’indisciplina regnavano nelle caserme al punto che gli ufficiali potevano entrare nelle camerate solo se armati.[lvi]

Nel 1973 in un rapporto interno del pentagono si calcolava che il 35% di tutti gli uomini in servizio nel Vietnam aveva provato l’eroina e che il 20% di questi era diventato tossicodipendente nel corso dei dodici mesi di permanenza nel sud-est asiatico. Analogamente si ritiene che più del 50% dei soldati facesse uso di marijuana.

Nella storia ufficiale della Guardia Nazionale: A History of the Army National Guard, si dice che dopo il ritiro dal Vietnam, l’esercito USA era nel pieno di una crisi per la diffusione della droga, della mancanza di disciplina, delle tensioni razziali. In Europa i comandanti dell’Esercito ritenevano che la mancanza di disciplina rendesse inutilizzabile la Settima Armata, e il comandante del Command and General Staff di Fort Leavenworth, Kansas, pubblicamente ammise che l’Esercito era “di fronte a seri problemi per quanto riguardava la truppa, il morale, la strategia, la leadership”.  E’ l’ammissione ufficiale, che l’Esercito, uno strumento fondamentale del monopolio della violenza organizzata, con cui la classe dominante impone la sua legge alle altre classi, stava venendo meno.

   La spiegazione di tutto ciò da parte dell’Esercito americano furono diverse: l’esercito americano allora era basato sulla coscrizione obbligatoria e nella metà degli anni ’60 nella popolazione giovanile americana si era largamente diffuso l’utilizzo di sostanze stupefacenti. Inizialmente il governo non aveva esercitato alcun controllo su un fenomeno che in breve tempo passato dalle élite delle avanguardie artistiche della beat generation e dell’arte pop alle grandi masse giovanili. Il Sud-Est asiatico poi era, ed è tuttora uno dei maggiori centri mondiali produzione della droga. Nelle città del Vietnam del Sud era facilissimo trovare marijuana e oppio proveniente dal Triangolo d’oro a prezzi molto bassi.

Quello che si voleva nascondere era che la gran parte del traffico degli stupefacenti tra il Sud-Est asiatico e gli Stati Uniti era gestita dalla CIA, che si serviva di questi introiti per finanziare le operazioni coperte.[lvii]

Il legame tra servizi segreti e traffico di stupefacenti non è ovviamente esercitato solo dai servizi segreti statunitensi. Nel 1996 è stato divulgato da fonti militari israeliane come per molti anni i servizi segreti di questa nazione abbiano alimentato un traffico di hashish verso l’Egitto per indebolire la capacità di  combattimento dell’esercito egiziano.[lviii]

La guerra del Vietnam è stata una delle prime occasioni in cui i militari sono stati oggetti di attente indagini psicologiche. È molto probabile che in altre guerre l’uso di sostanze psicoattive abbia avuto un’ampia diffusione ma che sia sfuggito (molto probabilmente volontariamente) a ogni tentativo di quantificazione.

Proprio il problema del crollo psicologico nei conflitti moderni ha assunto dimensioni preoccupanti e ingentissimo è il numero di soldati che è stato necessario ritirare temporaneamente o definitivamente dal servizio attivo per motivi neuropsichiatrici. La principale causa è stata individuata nel disturbo post-traumatico da stress, definito dagli autori americani come “Combat stress reactions”. Si tratta di un disturbo mentale noto fin dai tempi antichi ma che è stato descritto e classificato con questo nome da una ventina d’anni.

Disturbi psichiatrici furono notati già nei combattenti della guerra di secessione americana, anche se era loro attribuita una base organica; nel primo conflitto mondiale questi disturbi mentali furono ricondotti a cause funzionali e furono chiamati “shock da bomba”. Per effetto delle teorie psicoanalitiche che cominciavano allora a diffondersi fu introdotto il termine di nevrosi traumatica, considerata il risultato della riattivazione di conflitti preesistenti, non risolti.

L’esperienza della seconda guerra mondiale portò gli psichiatri americani a definire nel loro primo manuale diagnostico-statistico dei disturbi mentali del 1952 (DSM_I) la nevrosi da stress. Fu grazie agli studi sui veterani del Vietnam, la cui riabilitazione e terapia costituirono un grave problema sanitario e sociale, che nel nuovo manuale DSM-III, fu coniato il termine di disturbo post-traumatico da stress. Le cause principali furono identificate nella combinazione di fattori estremamente logoranti presenti sul campo di battaglia, nel collasso delle strutture di comando e nella mancanza di coesione delle truppe sotto l’effetto del panico.

Il soldato impegnato in operazioni di combattimento è sottoposto a privazioni estreme che mettono a dura prova i suoi meccanismi psicologici di difesa e le risorse fisiche utilizzabili per far fronte alle situazioni di crisi.

Fattori collaterali come la disidratazione, frequente in regioni con climi torridi, la mancanza di sonno, l’alimentazione inadeguata, la mancanza di comunicazioni, la solitudine e la lontananza dagli affetti possono contribuire significativamente a indebolire la difesa contro la principale minaccia, costituita dal timore di perdere la vita.

Nel caso della guerra dei Sei Giorni il numero delle perdite israeliane fu assai limitato, attorno all’uno per cento, grazie alle condizioni ottimali in cui i soldati si trovarono a combattere. Le truppe erano addestrate con cura e i militari avevano nelle proprie unità gli stessi compagni con i quali si erano addestrati.[lix]

Al contrario nella guerra dello Yom Kippur nell’ottobre 1973 scoppiò all’improvviso trovando le truppe israeliane impreparate. Ciò ebbe gravi effetti sul morale tanto che secondo alcune statistiche le perdite dovute a motivi psichiatrici raggiunsero nei primi giorni addirittura il sessanta per cento. Durante l’aggressione israeliana del Libano del 1982 l’esercito israeliano soffrì di un numero di perdite quasi trascurabili per cause psichiatriche nei primi giorni mentre quando iniziò l’avanzata per Beirut, non condivisa da tutti i combattenti, queste aumentarono drasticamente.

Per permettere ai soldati americani durante il conflitto vietnamita di superare il trauma del combattimento sarebbe stata distribuita, quanto a livello sperimentale, una fantomatica “pillola del coraggio”. Mancano notizie attendibili in proposito, anche se nei racconti dei reduci è conservata l’espressione gergale “fare John Wayne” per indicare comportamenti di esagerato sprezzo del pericolo da parte di soldati dopati.

Anche in tempi recenti sono stati segnalati episodi di utilizzo di sostanze stupefacenti in operazioni di combattimento.

È interessante ricordare come alcune fonti di stampa ecuadoriane abbiano più volte accusato le truppe peruviane di far uso di droghe nel corso dei combattimenti sul confine amazzonico.[lx] Nel conflitto somalo degli anni ’90 le varie fazioni facevano uso del khat, una sostanza vegetale con effetti simili alle anfetamine molto diffusa nell’Africa orientale e in numerosi paesi arabi. L’uso di alcolici e stupefacenti è infine molto diffuso fra le truppe nel conflitto nell’ex Jugoslavia; fra tutti sarebbe il più usato farmaco chiamato Apaurin, in grado di ridurre l’ansia prima del combattimento.

Durante la guerra del Golfo il corpo di spedizione francese avrebbe avuto in dotazione 14.000 confezioni di Madafinil un farmaco eccitante, diffuso con il norme di Virgil, da usare come una sorte di pillola del coraggio.

 

Le guerre di un “futuro” che è in realtà un tragico presente.

 

 

Dalla fine della seconda guerra mondiale si sono susseguiti almeno un centinaio di conflitti armati, più di ottanta sono stati classificati come conflitti a bassa intensità, anche se questo termine comprende genocidi di proporzioni enormi come le guerre tra Biafra e Nigeria e gli scontri in Ruanda.

L’enfasi posta dall’ONU sulle missioni di “peace keeping” ha ottenuto scarsi risultati, e ha provocato delle forti resistenze tra molti strateghi americani, secondo cui i soldati dovrebbero lasciare le caserme solo per proteggere “l’interesse nazionale” da minacce definite. In un articolo del 1992 del colonnello Charles Dunlap dell’U.S. Army, che fu premiato dall’allora capo di stato maggiore, generale Colin Powell, come migliore saggio militare dell’anno, si afferma che impegnare l’esercito americano in “operazioni umanitarie” sotto l’egida dell’ONU avrebbe trasformato le forze armate in una sorte di boy-scout, incapaci di adempiere la loro unica missione: distruggere il nemico e vincere le guerre.

Secondo Martin Libicki della National Defense University, la tecnologia sofisticata che ha permesso la vittoria americana nella guerra contro l’Iraq del 1991, poteva dimostrarsi inadeguata in situazioni di caos (come si dimostrò in una Mogadiscio degli anni ’90) e la disparità tra la concezione della guerra come massima espressione della tecnologia e la realtà dei conflitti locali combattuti con armi giudicate obsolete, ma non per questo meno distruttive, resta insanabile.

A proposito può essere interessante una citazione del filosofo indiano Osho Raineesh: “Quando una società giunge al suo culmine non può combattere. Le società più raffinate vengono sempre calpestate e sconfitte da società minori… Quando una società è ricca e opulenta non combatte più”.[lxi]

L’addestramento degli eserciti imperialisti occidentali è basato sostanzialmente su due contrapposte filosofie. Da un lato utilizza un approccio estremamente disumanizzante, in cui il civile appena giunto al reparto è ricostruito con un’immagine stereotipata e specifica, eliminando la sua individualità. Esempi di questa tecnica sono il corso di addestramento della P Company della brigata paracadutisti del Critish Armyt, dei paracadutisti francesi, dei paracadutisti e dei marines dell’esercito americano.

L’altro sistema è ispirato alle teorie di Kurth Halm, la cui base è il concetto che il singolo individuo non deve essere massificato o costretto, ma deve essere posto in un ambiente controllato e progettato per fare emergere in ciascuno gli aspetti più responsabili del carattere e lo spirito di gruppo. Secondo alcuni questo genere di autodisciplina, ispirata al concetto di “disciplina accettata” della tradizione cavalleresca, non può funzionare in condizioni estrema che richiede il massimo controllo sulle truppe e l’obbedienza automatica agli ordini.

Fra le tecniche di condizionamento psicologico sperimentale negli ultimi anni delle forze armate statunitensi un posto di rilievo spetta alla Programmazione Neurolinguistica. I suoi presupposti sono fondati sulla possibilità d’influenzare durevolmente il comportamento di un soggetto modificandone la percezione della realtà attraverso il linguaggio. Fra i vantaggi di questa tecnica, oltre alla facilità d’apprendimento che ne rende l’applicazione standardizzata in tempi brevi a un grande numero di persone, va ricordata la possibilità del soggetto trattato di designare lui stesso la meta auspicata. Presupposto teorico della PNL è la possibilità di agire attraverso tecniche come la visualizzazione d’immagini mentali, modificando i processi sensoriali, che organizzano e mantengono un comportamento, senza esaminare il contenuto emozionale o le dinamiche esistenti come invece avverrebbe con una tecnica psicodinamica tradizionale, ad esempio con quelle di derivazione psicoanalitica.

È stata comunicata notizia di programmi più sinistri, volti ad addestrare individui volti ad addestrare individui ad agire come killer, selezionando di preferenza militari con precedenti penali per reati violenti.[lxii] Queste tecniche tenderebbero a desensibilizzare, mediante uso di filmati con scene particolarmente raccapriccianti, i soggetti trattati, rendendoli indifferenti verso la sofferenza altrui e pronti a uccidere senza esitazione.

Le strade percorse per ottenere il controllo delle proprie truppe e influenzare negativamente il nemico sfiorano il campo della fantascienza. Già nel 1985 nel libro The mind race di Keith Harary e Russel Targ della Stanford Research Institute, vennero per la prima volta ufficialmente esposti al pubblico i risultati di esperienze parapsicologiche in campo militare. In particolare erano state eseguite ricerche per la comunicazione telepatica tra personale a terra e altro imbarcato a bordo si sottomarini nucleari. Anche nell’Unione Sovietica furono eseguiti degli studi e ricerche nel campo della percezione extrasensoriale e sulle applicazioni pratiche in campo medico, educazionale, e per obiettivi politici.

Per vent’anni i servizi segreti statunitensi hanno impiegato medium con il programma Stargate per studiare l’efficacia dei fenomeni parapsicologici. I sensitivi statunitensi, ospitati nella base di Fort Meade nel Maryland, avrebbero tentato di localizzare il nascondiglio di Gheddafi prima del bombardamento di Tripoli nel 1986, o ancora di individuare gli ostaggi americani in Iran.[lxiii]

L’ultima e più agghiacciante delle iniziative in questo campo è che nel 2008 il Dipartimento della “Difesa” USA ha ufficialmente (sicuramente le aveva cominciato prima in gran segreto) le ricerche sulla tecnologia Rfid e sulla modalità d’impiego nelle Forze Armate. [lxiv]

 

Tutto ciò ci riporta all’antico e perenne desiderio di tutte le classi dominanti di dominare con ogni mezzo l’essere umano e la natura con tutti i mezzi a disposizione, sono cambiati i mezzi e nel corso dei secoli dai rituali sacri degli sciamani si è giunti agli esasperati sviluppi dell’alta tecnologia ma il fine non è mutato.

Una considerazione finale: ogni classe dominante fa la guerra a suo modo, diceva Mao a proposito: “Non dobbiamo assolutamente perdere un’altra mossa di fronte al nemico, dobbiamo sfruttare a fondo questa mossa, la mossa, la mobilitazione politica, per trarne vantaggio.
Questa mossa è cruciale; è, infatti, di primaria importanza mentre la nostra inferiorità in armi e in altre cose è solo secondaria. La mobilitazione del vasto mare nel quale annegherà il nemico, creerà le condizioni che suppliranno alla nostra inferiorità in armi e in altre cose, e creerà i requisiti per superare ogni difficoltà. Per conquistare la vittoria, dobbiamo perseverare nella guerra di resistenza, nel fronte unito e nella guerra di lunga durata.
Ma tutto questo è inseparabile dalla mobilitazionedella popolazione. Desiderare la vittoria è trascurare la mobilitazione politica è come “desiderare di andare a nord dirigendo il carro a sud”, e il risultato sarebbe inevitabilmente quello di essere privati della vittoria.
C
he cosa è la mobilitazione politica? Primo, significa dire al popolo ed all’esercito quale è lo scopo politico della guerra. E’ necessario che ogni soldato ed ogni civile capisca perché la guerra deve essere combattuta e quanto la guerra lo riguarda” (Mao Tse-Tung, Sulla guerra di lunga durata, maggio 1938).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


[i] El Commercio, 17 novembre 1989.

 

[ii] E con il PCP, che è un feroce avversario dei narcotrafficanti.

 

[iii] In medicina e farmacologia, si tratta del farmaco capace d’indurre variazioni dello stato psichico, è in genere denominato psicotropo.

 

[iv] Gli opliti erano i soldati della fanteria pesante della Grecia antica.

 

[v] V. D. Hanson, L’arte occidentale della guerra, descrizione di una battaglia nella Grecia classica, Mondadori, Milano 1994.

 

[vi] Omero, Iliade, 11.863; 14.8.

[vii] La pirrica è una danza di guerra in armi di origine greca detta anche ballo con armatura. La danza pirrica ebbe il più grande sviluppo nella città di Lacedemone, capitale della Laconia. Probabilmente derivata dai riti organizzati per celebrare le vittorie di guerra, era eseguita da giovani, sia individualmente sia in gruppo, con armi e armature, che simulavano le posizioni di attacco e di difesa, accompagnati dalla musica del flauto. Questa danza aveva però anche lo scopo di esercitare i combattenti aumentandone l’agilità prima della battaglia stessa in cui dovevano confrontarsi con il nemico. Il capo dei guerrieri era, infatti, anche il capo dei danzatori.

[viii] Sarebbe il praticante di Yoga. Il termine è usato in riferimento agli asceti che praticavano la meditazione.

 

[ix] La savate (nota anche col nome di boxe francese) è una disciplina sportiva nata nei quartieri più poveri e malfamati di Parigi nei primi anni dell’ottocento.

[x] Sambo, acronimo di САМооборона Без Оружия ovvero “difesa personale senz’armi“, è un’arte marziale di originerussa sviluppata dagli anni ’20 come metododi lotta destinata all’addestramento dei soldati dell’Armata Rossa prima e quella russa in seguito.

 

[xi] Il ninjitsu è la denominazione collettiva di un insieme di metodi di spionaggio e strategia utilizzati sin dal  medioevo del Giappone (1185 – 1625circa).

 

[xii] Bodhidarma (483 – 540) è stato un monaco buddista indiano, 28° patriarca del Buddismo indiano secondo la tradizione Chàn/zen appartenente alla corrente Mahayāna, ed erede del Dharma, secondo il lignaggio Chán del maestro Prajñatāra. Originario, secondo alcuni tardi resoconti della sua vita, dell’India e di nobile casata, o brahmano, ritenuto primo patriarca del Buddismo Ch?n (Zen in Giappone), da lui sarebbe nato anche, secondo alcune tarde leggende, lo stile di combattimento di Shàolínquán.

 

[xiii] B. Abietti, Ninjitsu, l’arte dell’invisibilità, Edizioni Mediteranee.

 

[xiv] S. K. Hayes, The art of invisible warrior, Contemporary nooks, Chicago 1986.

 

[xv] Con il termine di Kampo s’intende il corpus di attività salutistiche che nel Giappone si sono instaurate nei primi secoli dopo Cristo. Il Ricorso al nome di Kampo è fatto risalire al 414 quando una grave malattia dell’imperatore fu risolta da un medico coreano esperto in medicina tradizionale cinese, ed è dalla dinastia dell’imperatore che fu coniato il nome di Kampo. Si può quindi definire il metodo Kampo come d’importazione cinese. È però dall’ottavo secolo che tale pratica si diffuse e si ampliò, grazie all’istituzione di scuole d’insegnamento.

La pratica erboristica è l’aspetto più rilevante del metodo Kampo, con il ricorso alle conoscenze erboristiche cinesi e anche all’uso delle piante autoctone giapponesi. Bisogna risalire sino all’1.700 per rintracciare la vera diffusione del metodo Kampo.

Nella medicina Kampo oltre ai rimedi vegetali si ricorre a quelli animali e minerali.

La diagnostica ricava dalla medicina tradizionale cinese il ricorso alle tecniche della palpazione e l’esame dei sensi.

L’individuo è analizzato nel suo complesso globale tenendo conto dell’unicità e dell’esclusività di ogni essere vivente. La sostanziale diversità tra la medicina tradizionale cinese e quelle Kampo consiste nel fatto che nelle prima le metodiche fitoterapie, agopuntura, alimentazione e massaggio devono essere integrate tra loro; almeno le prime due. Nella medicina Kampo sono considerate separatamente e da specialisti che possono essere diversi.

 

[xvi] Con il termine Yamabushi (letteralmente: “colui che si trova/si nasconde tra le montagne”) s’indicano monaci asceti giapponesi che vivevano come eremiti tra le montagne e che un’antica tradizione considerava guerrieri invincibili, addirittura dotati di poteri soprannaturali. Essi seguivano principalmente la dottrina Shugendō una combinazione di elementi buddisti e shintoisti. Per lo più solitari, formavano confederazioni sparse, talvolta associate a certi templi, e occasionalmente parteciparono anche a battaglie e scaramucce a fianco dei sōhei, dei ninja e dei samurai.. Le loro origini possono essere fatte risalire agli hijiri solitari dell’VIII e del XIX secolo.

 

[xvii] E. Malizia, H. Ponti, Coca e cocaina, newton Compton, Roma 1992.

 

[xviii] Amedeo Latour (1797-1876).  È considerato il fondatore dell’ematologia e l’integratore di questa scienza con la medicina diagnostica.

 

[xix] Cit. da P. Mantegazza in Fisiologia del dolore, Ed. Bemporad, Firenze.

 

[xx] Giovanni Pesce, Senza Tregua, Feltrinelli.

 

[xxi] M. Verdone, Il futurismo, Newton Compton, Roma 1994.

 

[xxii] Per la fine di agosto del 1914 l’esercito francese aveva avuto 80.000 morti di cui 27.000 solo il 22 agosto.

 

[xxiii] La canzone Gorizia è un magistrale esempio di questo tipo di canzoni.

 

[xxiv] Durante la prima guerra mondiale Agostino Gemelli prestò la sua opera al fronte, sia come medio sia come sia come sacerdote. Fondò e diresse il Laboratorio psicofisiologico del Comando supremo dell’esercito, compiendo degli studi sulla psicologia dei soldati e degli aviatori.

 

[xxv] Paolo Caccia Dominioni (1896 1992).  Militare, scrittore e ingegnere italiano.

 

[xxvi] P. Caccia Dominioni, 1915-1919, Mursia, 1965.

 

[xxviii] D. Kaplan, Yakuza, Edizioni di Comunità, 1988.

 

[xxix] Paradossalmente le prime unità di commandos combatterono contro gli inglesi. Il termine è forse di origine portoghese e attirò l’attenzione mondiale per la prima volta, appunto, quando fu adottato dai Boeri del Sudafrica attorno al 1900. Fu un italiano Camillo Ricchiardi, un giornalista e avventuriero nativo in Piemonte, che organizzò i primi “commando” boeri destinati alla guerra contro gli inglesi.
Grazie all’esperienza che aveva avuto nelle Filippine quando combatté con il generale Emilio Aguinaldo contro gli spagnoli, capì che le tecniche di combattimento dei filippini potevano essere applicate alla guerra contro gli inglesi. L’appoggio del generale boero Joubert fu essenziale e, nel 1899, il Ricchiardi organizzò i primi scouts (detti da lui “commando” usando un raddoppio romanesco per dire la parola italiana “comando”) costituendo quella che diventò famosa con il nome di Legione Volontaria Italiana. I Boeri formavano dei gruppi di “commando” tra di loro per inseguire i predatori di bestiame. Comunità e fattorie erano obbligate a fornire uomini a cavallo ed equipaggiati, ogni qual volta un commando era radunato. All’epoca della Seconda guerra boera contro il Regno Unito, i commando boeri impegnavano l’esercito britannico regolare, in modo abbastanza efficace, con imboscate e incursioni “mordi e fuggi”. I Commando del Ricchiardi furono la spina nel fianco degli inglesi, che misero anche una taglia sulla sua testa. Durante una di queste incursioni fu proprio Camillo Ricchiardi a catturare il giovane Winston Churchill che si era aggregato alle truppe inglesi alla ricerca di notorietà.

 

[xxx] A volere essere precisi bisogna escludere la Cina Popolare, perché fino al 1976, l’esercito era impostato sulla Guerra Popolare, dove decisivo e fondamentale e la mobilitazione popolare attraverso le milizie, dopo la presa del potere da parte dei revisionisti, diventa fondamentale la specializzazione dell’Esercito. Non è un caso che nel 1979 dopo l’aggressione del Vietnam, Deng Xiaoping modificò la teoria della guerra popolare con quella di guerra popolare in condizioni moderne.

 

[xxxi] K. Toda, Shadow of the Ninja, Dragon Books, Essex 1982.

 

[xxxii] P. Mariel, Le società segrete che dominano il mondo, Vallecchi, Firenze 1976.

 

[xxxiii] Il tiopental sodico (nome commerciale Pentothal Sodium) è un tiobarbiturico (un barbiturico con una sostituzione O-S) ad azione ipnotica utilizzato nell’induzione dell’anestesia generale. Viene utilizzato anche nell’induzione del coma artificiale e negli Stati Uniti è utilizzato, assieme al pancuronio e al  cloruro di potassio, per praticare l’iniezione letale ai condannati a morte. Questa miscela di farmaci è utilizzata anche, in alcuni Paesi, nell’eutanasia.

 

[xxxiv] GABA (gamma ammino butirrico) è la sostanza chimica che aiuta a gestire lo stress e calma la tua attività cerebrale. Se si hanno bassi livelli di GABA, vi sentirete arrabbiato, irascibile e irritabile. Uno studio del Beth Israel Medical Center individuato che il GABA, un neurotrasmettitore, ha un ruolo nel controllare il nostro bilancio energetico. Modalità di determinazione dei nostri lavori di manutenzione del corpo in tre fasi. In primo luogo, il nostro cervello riceve input dal nostro corpo come i nostri ormoni circolano. La seconda fase prende queste informazioni e si fonde con gli odori e lusinghe. Poi il cervello prende il sopravvento, di decidere la nostra assunzione di cibo ed energie necessarie abbiamo bisogno di guadagnare o perdere peso . Il neurotrasmettitore GABA è il mediatore per i nostri neuroni . Quando si aderisce ai recettori GABA, si riduce l’invio di un segnale, quindi riducendo la vostra necessità di raggiungere per più cibo. GABA influisce sulla ghiandola pituitaria rafforzando nello stesso tempo la crescita naturale di ormone del vostro corpo. Aumento dei livelli di ormone della crescita (HGH) è responsabile per bruciare i grassi, per questo motivo GABA funziona così bene per i piani di perdita di peso.

 

[xxxv] Questi mezzi non hanno niente a che fare il socialismo. Partendo dal fatto che il socialismo è un periodo di transizione dove assieme al nuovo convive ancora il vecchio della società classista e borghese, l’impiego e l’utilizzo di questi strumenti e della tortura senza ombra di dubbia appartengono al vecchio, in altre parole quello che rimane della vecchia società classista e borghese.

 

[xxxvi] Alcaloidi presenti nella Claviceps purpurea, un fungo parassita della segale, derivati dell’amide dell’acido lisergico unita a una catena idrocarburica alifatica o alcolica (alcaloidi aminici) oppure a brevi catene aminoacidiche (alcaloidi aminoacidici). I principali tra questi alcaloidi sono l’ergotamina, un suo derivato sintetico: la diidroergotamina e la metisergide, che per la loro azione vasocostrittrice e simpaticolitica trovano impiego nel trattamento sintomatico del dolore dell’emicrania; l’ergometrina (ergonovina) e la metilergometrina, utilizzate per ridurre il sanguinamento post-partum grazie alla loro azione contratturante sulla muscolatura liscia uterina; la bromocriptina, derivato sintetico dell’ergocriptina, utilizzato come farmaco anti-Parkinson e come inibitore dell’eccessiva secrezione lattea per la sua azione dopaminergica; infine un derivato dell’ergotossina, la diidroergotossina, miscela di tre alcaloidi (diidroergocristina, diidroergocriptina e diidroergocornina). Gli alcaloidi della segale cornuta sono stati i primi bloccanti alfa-adrenergici scoperti. È ormai generalmente accettato che le loro complesse proprietà farmacologiche derivano dalla loro azione come agonisti parziali o antagonisti a livello dei recettori dopaminergici, serotoninergici e alfa-adrenergici.

 

[xxxvii] L’acido lisergico è il componente base di numerosi alcaloidi quali l’ergonovina. Si trova nel micelio di un fungo ascomicete noto come Claviceps purpurea (o “Segale Cornuta”), la cui forma di conservazione, lo sclerozio, ricorda una “clavetta”. Gli sclerozi sono masse di micelio compatto e duro con la forma di piccoli corni, che hanno determinato la denominazione del fungo. Gli sclerozi si formano nelle spighette di alcune graminacee, prevalentemente la segale, un cereale che si adatta meglio del grano a suoli poveri e ambienti umidi e freddi. Se assunto nell’organismo in dosi elevate, causa una sindrome denominata “ergotismo”, frequente, specialmente in passato, a causa del consumo alimentare di farine fatte con granaglie infettate dalla Claviceps. L’acido lisergico è più noto per il fatto che può essere utilizzato per sintetizzare una potente droga allucinogena: la famosa LSD o LSD25 (dietilamide dell’acido lisergico). L’LSA (ammide dell’acido lisergico, nota anche come ergina) è un allucinogeno (psichedelico) estratto dai semi di Ipomea violacea, e di altre Convolvulaceae, fra cui l’ Argyreia nervosa e la Rivea corymbosa. Attualmente viene studiato dalla comunità scientifica per alcune sue possibili proprietà terapeutiche (estratto dalla Claviceps purpurea presente sulle spighe di segale o frumento).

 

[xxxviii] Ergot è il nome comune dato ad un ascomiceta denominato Claviceps purpurea. Il termine è lo stesso usato in francese, lingua nella quale, letteralmente, vuol dire sperone. Infatti questa specie del genere Claviceps (che ne conta circa una cinquantina) è parassita delle graminacee e forma degli sclerozi simili a speroni o cornetti che conferiscono alla pianta infetta – spesso la segale – il nome comune di “segale cornuta” .Questa specie è la più studiata e conosciuta per i suoi importanti effetti nella contaminazione di alimenti confezionati con cereali attaccati da questo fungo. I cornetti che spuntano dalle spighe infestate da Ergot sono costituiti dai corpi fruttiferi (sclerozi) del fungo stesso, in cui sono contenuti molti alcaloidi velenosi del gruppo delle ergotine (tra cui l’acido lisergico), che hanno gravi effetti su persone e animali che ne mangiano. Questi alcaloidi, essendo dei vaso-costrittori, compromettono la circolazione; inoltre interagiscono con il sistema nervoso centrale, agendo in particolare sui recettori della serotonina.

 

[xxxix] A. Hoffman intervistato da Pino Corrias, Viaggi Accidi, Ed. Stampa Alternativa, Viterbo 1992.

 

[xl] Donald Ewen Cameron, psichiatra-genetista scozzese diresse il reparto psichiatrico dell’Allen Memorial Institute. Diventerà famoso nell’ambito del progetto MKULTRA.

 

[xli] Franco Fracassi, L’INTERNAZIONALE NERA L’IRRESISTIBILE ASCESA DELL’ESTREMISMO DI DESTRA DAL MONDO POST BELLICO ALL’EUROPA DELLA CRISI ECONOMICA, Alpine Studio, 2012.

 

[xlii]                                                                       C.s. pag. 106

 

[xliii]                                                                       C.s. pag., 88

 

[xliv] AA.VV., L’LSD ai soldati per provare l’effetto, Corriere della Sera, 5 novembre 1994.

 

[xlv] k. von Clausewitz,  Della guerra, Mondadori, Milano 1970.

 

[xlvi]   Dalla prefazione a L’arte della guerra, Ed. Mondadori

 

[xlvii] Sun Tzu, L’Arte della guerra.

 

[xlviii] Noam Chomsky uno dei guru della sinistra americana lavora al MIT come linguista, guarda caso denuncia tutte le malefatte dell’imperialismo U.S.A. ma non quelle di Israele, qui la gatta ci cova. Domanda, come fa uno che si passare come un irriducibile ”avversario” delle politiche U.S.A. a lavorare in un’istituzione come il MIT? Vediamo al contrario le crescenti difficoltà di un ebreo antisionista come Norman Finkelstein, autore del libro L’industria dell’olocausto – Rizzoli, Milano 2002 sulla strumentalizzazione dei sionisti americani dell’Olocausto, licenziato dalla De Paul University, gli ha fatto penare tredici anni il dottorato di ricerca, perché nessuno di loro voleva apparire come relatore della sua tesi, appunto sull’industria olocaustica. Quando infine ha conquistato il titolo, nessuno dei docenti l’ha voluto raccomandare a nessuna università.

 

[xlix] Il comportamentismo (o psicologia comportamentale) è un approccio alla psicologia, basato sull’assunto che il comportamento esplicito è l’unica unità di analisi scientificamente studiabile della psicologia.  Uno dei concetti fondamentali del Comportamentismo è quello  “Condizionamento Operante”.  Il condizionamento operante è una procedura generale di modifica del comportamento di un organismo, ossia è una modalità attraverso la quale l’organismo “apprende”.

 

[l] Edward L. Bernays, Propaganda, 1928.

 

[li] Herman, Edward S. and Chomsky, Noam. Manufacturing Consent: the Political Economy of the Mass Media. New York: Pantheon Books, 1988, traduzione italiana La fabbrica del consenso, Marco Tropea Editore, 1998.

 

[lii] Il cyberspazio è il dominio caratterizzato dall’uso dell’elettronica e dello spettro elettromagnetico per immagazzinare, modificare e scambiare informazioni attraverso le reti informatiche e le relative infrastrutture fisiche. È visto come la dimensione immateriale che mette in comunicazione i computer di tutto il mondo in un unico network che permette agli utenti di interagire tra loro. È oggi comunemente utilizzato per riferirsi al “mondo di Internet” in senso generale. Il termine trae origine dalla fantascienza cyberpunk, nella quale il cyberspazio comprende vari tipi di realtà virtuale condivise da utenti profondamente immersi in tali dimensioni, o da entità che sussistono all’interno dei sistemi informatici.

[liii]  Perciò tutta la cosiddetta sinistra “politicamente corretta” che si scandalizza verso le azioni contro i volontari delle ONG, finge di ignorare i reali compiti delle ONG come strumento imperialista, contro le lotte di questi popoli.

 

 

[liv] Quest’alleanza con intellettuali provenienti dall‘esperienza comunista aveva preceduto la cosiddetta Guerra Fredda: il pittore di affreschi Messicano Diego Rivera fu patrocinato da A. B. Rockefeller, ma la loro collaborazione ebbe bruscamente termine quando Rivera si rifiutò di ritirare un ritratto di Lenin da una scena di massa dipinta sui muri del Rockefeller Center nel 1933.

 

[lv] Nguyen Van Vinh, The Vietnamese People on the Road Victory, 1966.

 

[lvi] W. Murray, R.H. Scales jr, The Iraq War, 2003.

[lvii] Da non scordare che fu la stessa CIA a introdurre LSD negli Stati Uniti nell’ambito del programma MKULTRA.

 

[lviii] U. Mahnaimi, Revealed: Israel made the Egyptian army go to pot, in Sunday Times, 22 dicembre 1996.

 

[lix] Sarebbe da approfondire anche la debolezza dei regimi arabi che condussero questo conflitto. Una guerra di liberazione non può essere condotta come una guerra convenzionale, dove conta la modernità dell’armamento, l’addestramento delle truppe.

 

[lx] P. Caiti, La guerra del Condor, in Rivista italiana Difesa, maggio 1995.

 

[lxi] O. Raineesh, Il libro dei segreti, Bompiani, Milano 1994.

 

[lxii] P. Watson, War on the Mind, Hutchinson, London 1978.

 

[lxiii] E. Carretto, I maghi della CIA meglio di 007, Corriere della Sera, 30 novembre 1995.

 

[lxiv] Nova (giornale telematico de Sole 24ORE) del 28 febbraio 2008.

~ di marcos61 su novembre 26, 2012.

Una Risposta to “SUPERSOLDATI USO BELLICO DELLE SOSTANZE PSICOATTIVE”

  1. L’ha ribloggato su L' essenziale e' invisibile agli occhi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: