BREVI NOTE SU GLADIO E MASSONERIA

Gladio, come ben sa, è (anche se è ufficialmente sciolta, in realtà è tuttora operativa) un’organizzazione clandestina. Per la
sua funzione anticomunista, è stata sostenuta dagli industriali e dalla massoneria italiana inglese e americana, ha foraggiato fascisti di tutte le specie. Struttura clandestina che fu istituzionalizzata all’interno del SIFAR
prima, del SID poi e quindi del SISMI fino al suo “scioglimento” dopo
che Andreotti ha deciso di parlarne all’inizio degli anni ’90.

I generali italiani che hanno gestito l’Esercito dal secondo dopoguerra sono stati coloro che hanno aperto alla massoneria
militare, essi questi massoni militari sono bene collegati con i loro fratelli(di loggia e di ordine massonico) inglesi e americani. Questa massoneria militare in Italia è ben radicata all’interno delle forze armate, dei carabinieri e
della polizia. E proprio quest’ambiente massonico che ha consentito sotto l’ombrello della Gladio “ufficializzata” la copertura di una Gladio ancora più clandestina, libera da quei vincoli politici e militari che anche la stessa Gladio dove tenere conto.

L’obiettivo di questa Gladio “non ufficiale” era mirato alla stabilizzazione di un sistema politico internazionale complesso (con un
gioco di parole si potrebbe dire la destabilizzazione stabilizzante, in altre parole creare un po’ di caos per favorire alla fine le forze che mirano allo status quo).

Dentro questa gladio “non ufficiale” operavano sia militari che credevano di fare il loro “dovere” (come lo può concepire un militare) istituzionale, non ortodosso ma ufficiale, che personaggi che erano coscienti di partecipare a un’attività del tutto illegale.

La zona grigia e di scambio di tutte queste realtà è stata la massoneria che dopo la guerra ha visto nel ritorno di Licio Gelli
dall’Argentina il cavallo atlantico su cui molti paesi hanno puntato.

In Italia abbiamo avuto un governo ufficiale DC di centro, pubblico e dall’altro un governo soprannazionale di destra e
caratterizzato da una zona grigia capace di condizionare tutti i gangli del governo ufficiale, in ragione delle attività clandestine, protette dai militari dei servizi segreti, nei quali transitavano numerosi carabinieri che avevano anche una specifica funzione di polizia e pubblica sicurezza.

Ora molto probabilmente questa concentrazione di potere alla Gladio “non ufficiale” che era egemonizzata dalla P2, alleata con
l’estrema destra fascista e con settori mafiosi entra in contraddizione con quella ufficiale (nessuno può credere veramente che i 600 nomi messi lì da Andreotti si tutta la struttura Gladio) e perciò tra la metà degli anni ’80 e l’inizio di quelli ’90 si è combattuta una battaglia invisibile, ma dura (adesso salta che fuori che il famoso attentato dell’Adamura contro Falcone a mettere l’esplosivo furono alcuni membri dei servizi segreti e a sventare l’attentato furono altri membri dei servizi segreti, mafiosi e poliziotti
facevano il contorno)

Ma l’ombra dei servizi c’è anche in altre stragi attribuite alla Mafia. pensiamo quelle del 1992-93 sono stati stragi di Mafia
ma furono rivendicate dalla Falange Armata.

I conti non tornano in molte sentenze sulle stragi di Capaci, Via D’Amelio, i Georgofili, si apprende che l’idea a Cosa Nostra per
depistare le indagini attribuendole alla Falange Armata è il presunto pentito Giuseppe Pulvirenti. Ora il perché Cosa Nostra utilizzi questa sigla nelle sentenze, non è spiegata, quasi fosse una cosa insignificante (e come se negli anni ’70 e ’80 non si fosse tenuto conto dei volantini di rivendicazione delle BR).

Advertisements

~ di marcos61 su maggio 31, 2011.

3 Risposte to “BREVI NOTE SU GLADIO E MASSONERIA”

  1. Queste valutazioni sulla Gladio sono la cosa più cervellotica e sconclusionata che si possa leggere. Non si capisce dove trovate le fonti da cui trarre le conclusioni del ragionamento che vede una Gladio ufficiale ed una Gladio clandestina come se fossero due organizzazioni dipendenti da una stessa catena gerarchica con obiettivi complementari.
    Senza perderci troppo tempo provate a visitare i siti che riportano i documenti sulla Gladio e scoprirete con facilità che l’unica copertura alle organizzazioni eversive attivate durante gli anni di piombo e la strategia della tensione, sono state occultate dalla campagna di intossicazione sull’unica Gladio -Stay Behind , poi assolta in giudizio da ogni accusa, condotta stupidamente , inseguendo le “rivelazioni” fatte da Andreotti , e non verificando , anzi contribuendo ad insabbiare, le attività di strutture come i Nuclei di Difesa delloStato, il cosidetto “Noto Servizio” ecc, ecc.
    Trovate un solo punto di contatto tra queste organizzazioni e la Gladio e questa ricostruzione arbitraria e sconclusionata avrebbe almeno l’ombra di una giustificazione. Ma non potrete.

    • e CHI è QUESTO SMINUITORE DI ANALISI SERIE ?
      uno CHE VUOLA CONTRIBUIRE A SMINUIRE QUANTO HA PRODOTTO MARCO SU QUESTO ARGOMENTO COME MINIMO E’ UN NOGLOBAL E COME PEGGIORE DELLE IPOTESI E’ UNO DELLA CIA, COME ERA GIULIANO FERRARA DEL RESTO, CAPO DEL SERVIZIO DI DIFESA DELLO STATO INTERNO AL PCI A TORINO NEL 1977.
      LA QUESTIONE E’ LUNGA, SULLA “GLADIO CARCERARIA” SONO ANNI CGE FACCIAMO BATTAGLIA.
      basterebbe leggere di Cervia, basterebbe riconoscere che la morte di Diana Blefari è stata un omicidio programmato, che messaggi subliminali e torture carcerarie esistono da molti anni, basterebbe riconoscere che la legge Gozzini ha messo in libertà migliaia di collaborazionisti e che la legge dei pentiti ne ha liberati altre migliaia, e che sono tutti dei venduti che servono un sistema di interrelazioni al servizio del potere e del capitalismo,basterebbe interrogarsi sulle torture carcerarie, tanto silenziate a “sinistra”.
      . Mi chiedo solo perché Marco non ti abbia ancora mandato affanculo con un commento adeguato.
      PER CHI LAVORI FRANCESCO GIRONDA ?

    • 9-5-2011 67° ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE DI SEBASTOPOLI DA PARTE DELL’ARMATA ROSSA

      12-5-2011 34° ANNIVERSARIO DI GIORGIANA MASI

      L’UNITA’ NON CAMBIA MAI GIOVANI ATTENTI AGLI STRAFALCIONI SON CREATI PERCHE’ VOI NON CREDIATE ALLA POSSIBILITA’ RIVOLUZIONARIA !

      ATTENZIONE IL QUOTIDIANO DEL PD, L’UNITA’, STA DIFFONDENDO UN DVD CHE CAMUFFA NON A CASO SULL’IDENTITA’ DEI DIRIGENTI BR DURANTE IL CASO MORO. IL DVD CHE SI INTITOLA SEQUESTRO MORO, SENTENZA DI MORTE

      DE LUTIIS è UNO DEI PIU’ GRANDI DIFENSORI DELL’ERRORE STRATEGICO ED ANTIPROLETARIO DEL PCI NEGLI ANNI 70, ED E’ STATO UNO DEI PIU’ GRANDI DIETROLOGI DIFFAMATORI DELLA STORIA DELLE BR DI SEMPRE

      SE DA UNA PARTE AMMETTONO CHE FU COSSIGA (L’AMICO DEI SOLUZIONISTI E DELLA BRAGHETTI A SUA VOLTA POSTUMA AMICA DELLA MAMBRO) A DECIDERE LA COMPOSIZIONE DEL COMITATO DI CRISI, TUTTA DI PIDUISTI, POI … CHE FANNO NEL DVD ?

      SI ESALTA LA FIGURA DI ALDO MORO COME INVISO A MOLTI PAESI (SE 7 SERVIZI SEGRETI “SAPEVANO” CHE SI STAVA PREPARANDO QUALCOSA DI GROSSO, LO SAPEVANO INVECE TUTTI IN ITALIA CHE L’OPUSCOLO BR DELL’OTTOBRE 1977 PRELUDEVA AD UN ATTACCO AL CUORE DELLO STATO, MA QUESTO ERA UNA CONSEGUENZA POLITICA DELLA STRATEGIA PROLETARIA DI ATTACCO AL CAPITALE ASSASSINO, NON CERTO UN PROBLEMA DI SERVIZI SEGRETI), MENTRE IL PROBLEMA DI MORO E’ CHE ERA CONTRO IL PROLETARIATO FINO IN FONDO, VEDASI I MORTI DELL’APRILE 1975 NELLE PIAZZE D’ITALIA

      SI CREA L’ASSIOMA CIA=BR MENTRE LE BR SE ERANO ANCHE INFILTRATE DALLA CIA ALMENO ERANO NATE SPONTANEAMENTE DALLA CLASSE OPERAIA, MENTRE LA DIREZIONE DEL PCI ERA IN LINEA CON LA CIA !!!

      IL DVD RILANCIA LA MONTATURA SU SUPERCLAN E HYPERION CARA AL PAZZOIDE MASTELLONI MA AMMETTE CHE L’HYPERION NON ERA UNA CREATURA BR MA DELLA CIA

      IL DVD definisce moretti-balzarani-morucci-seghetti-braghetti- come irriducibili !!!
      e faranda e gallinari come dissociati
      gallinari è un soluzionista aggregato
      faranda e braghetti delle collaborazioniste postume
      morucci un dissociato
      moretti balzarani e seghetti dei soluzionisti

      In effetti lui ci prova, limitando il fenomeno Gladio a quello che è noto, e non affrontandolo rispetto a ciò che è ed era il sistema politico italiano sin dagli anni ’70 della solidarietà nazionale, cerca di scacciare i lettori da questa pagina e dai nostri contenuti.
      ATTENTI A VOI !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: