CON LA LUCE SI POSSONO FARE TANTE COSE

con la luce si possono fare tante cose, relazioni a distanza e notizia riportata  su city martedi’ 28 aprile  2009 condizionare l’attivita’ del cervello. bersagliando i neuroni a colpi DÌ luce si può condizionare l’attività del cervello e i comportamenti dei topi DÌ laboratorio. LO RENDE NOTO le riviste science e nature. la scoperta potrebbe fornire indicazioni terapeutiche per malattie come l’autismo e la schizofrenia

ma come ben si sa gli scopi sono dupplici, si possono condizionare i topi come si può condizionare l’essere umano

Coccole di luce per amarsi a distanza

Un nuovo sistema per la comunicazione intima a distanza permette di accarezzarsi con fasci di luce

 

 

MILANO –«Cercasi tre coppie che si amano ma vivono separate a più di 250 km di distanza, con uno dei due membri residente nei dintorni di Edimburgo». Questo è lo strano annuncio comparso sul sito web di Distance Lab, un laboratorio di ricerca situato nella contea di Moray, in Scozia, specializzato in soluzioni tecnologiche e molto creative per la comunicazione a distanza. Le tre coppie testeranno la funzionalità di un nuovo sistema per coccolarsi basato su anelli che proiettano un fascio di luce che accarezza il partner rimasto solo a centinaia di chilometri di lontananza.

CAREZZE DI LUCE – Il sistema di comunicazione intima a distanza, battezzato Mutsugoto, funziona grazie due anelli da indossare e due schermi da collocare sopra il letto: un anello indossato dal mittente proietta la luce su uno schermo che la cattura e la riflette sul letto (o sul corpo) del mittente; contemporaneamente la luce viene trasmessa anche a uno schermo analogo posizionato nella stanza del ricevente che a sua volta la proietta sul letto sottostante. Il risultato è un fascio di luce che si disegna magicamente sulle lenzuola, le proprie e quelle del partner. Quando le effusioni da remoto si incrociano le intersezioni cambiano colore. Potremmo dire che i fasci di luce «si emozionano».

ARTE CONTEMPORANEA – Questo sofisticato progetto di comunicazione tra amanti è stato pensato dai ricercatori per sostituire i più impersonali e anonimi metodi tradizionali di comunicazione, sms e mail. Finora però Matsugoto ha trovato spazio solo nelle sale delle gallerie di arte contemporanea. Un primo esemplare è stato installato al Victoria and Albert Museum, al National Museum Art di Osaka, è stato ospite del Singapore Fringe Festival e ad agosto sarà visibile all’Edinburgh Art Festival. Dopo la sperimentazione con le tre coppie che i Distance Lab stanno cercando, è possibile che il sistema di comunicazione intima a distanza venga lanciato sul mercato.

Gabriele De Palma
22 aprile 2009 http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/09_aprile_22/coccole_distanza_9f0d4b7c-2f45-11de-89c1-00144f02aabc.shtml

 

 

Advertisements

~ di marcos61 su aprile 28, 2009.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: