UN FANTASMA SI AGGIRA PER L’EUROPA DEI PADRONI: IL “SEQUESTRO” DEI MANAGER

 

Nella lotta per la difesa del posto del lavoro, nell’Europa dei padroni spunta con sempre maggiore frequenza una forma di lotta inaspettata e insolita: il sequestro dei manager. In poco meno di un mese sono già 7 i casi di registrati in Europa.
Questi episodi di lotta si sono svolti quasi tutti in Francia. Il 12 marzo un manager della Sony France viene sequestrato dai dipendenti e costretto a passare la notte nella fabbrica di Pontonx-sur-l’Adour, a sud di Bordeaux, che dovrebbe chiudere in aprile. Il 23 marzo, il direttore dello stabilimento della 3M di Pithiviers viene sequestrato e liberato dopo l’impegno a riprendere i negoziati sulle condizioni di allontanamento di 110 dipendenti. Il 30 marzo vengono sequestrati cinque manager della Caterpillar France. Il giorno dopo tocca al patron della PPR, Francois Henry-Pinault bloccato per un’ora a Parigi da un centinaio di dipendenti che avevano circondato la sua auto. Il primo aprile, a Milano, i dipendenti della Omnia Network, che si occupa di call center, hanno “sequestrato” l’amministratore delegato costringendolo ad assistere a un assemblea a rispondere alle loro domande. Il 7 e l’8 aprile, a Bellegarde-sur-Valersine, non lontano dalla frontiera svizzera, quattro dirigenti dell’azienda britannica Scapa vengono sequestrati dai dipendenti in sciopero che protestano contro la chiusura della filiale, annunciata a febbraio. Il 9 aprile in Belgio tre dirigenti della Fiat della sede di Chaussèe de Louvain sono stati rinchiusi nel centro vendite per alcune ore. I lavoratori del centro, 90 in tutto, hanno preso la decisione durante una trattativa sindacale per convincere il vertice dell’azienda a desistere dalla riduzione del personale. I tagli in discussione sono 24.
Ora questo nuovo e originale metodo di lotta, sta facendo impazzire i padroni e i loro agenti nel movimento operaio, in quanto dimostrano che in Europa settori di lavoratori stanno ormai superando rassegnazione, confusione e disorganizzazione e cominciano a lottare senza farsi legare dalle regole che impongono i padroni.
UN ESEMPIO PER TUTTI, GIOVANNI CENTRELLA DELLA UGL DI FRONTE A QUESTE AZIONI DI LOTTA HA DICHIARATO: “LA RABBIA DEI LAVORATORI FIAT IN BELGIO, SEPPURE ESPRESSA IN UNA MODALITÀ CHE NON CONDIVIDIAMO, RAPPRESENTA PURTROPPO IL FORTISSIMO DISAGIO CHE TUTTI I LAVORATORI STANNO VIVENDO E CHE CI AUGURIAMO NON DIVENTI CONTAGIOSO”. NOI AL CONTRARIO SPERIAMO CHE QUESTO CONTAGIO SI ALLARGHI A TUTTI I LAVORATORI.

Annunci

~ di marcos61 su aprile 16, 2009.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: